Politica / Regione

Commenta Stampa

In esclusiva le dichirazioni del candidato

Enzo Varchetta (Udeur):"Chi vuole lavorare mi contatti"


Enzo Varchetta (Udeur):'Chi vuole lavorare mi contatti'
16/03/2010, 17:03

NAPOLI - Da qualche giorno è diventato un vero e proprio tormentone: il messaggio in bacheca lasciato dal candidato al consiglio regionale della Campania Enzo Varchetta (Udeur) è stato ripreso ed aspramente criticato da numerosi utenti facebook e testate on-line. Il "caso" è esploso  dopo la frase pubblicata in allegato al manifesto elettorale sulla bacheca del profilo di Varchetta:"Chi vuole lavorare mi contatti". In molti, se non tutti, hanno comprensibilmente pensato ad una smaccata e plateale campagna clientelare vecchia maniera; di quelle, per intenders: "tu mi voti e io ti do un posto di lavoro".
Noi della Julie, decisi a comprendere fino in fondo il significato del tanto contestato messaggio, abbiamo raggiunto al telefono il giovane politico ed abbiamo chiesto direttamente a lui delucidazioni:"Mannò... non c'è assolutamente nessuna volontà di voto di scambio e, anzi, mi ha fatto molto male vedere che diversi esponenti di centrosinistra hanno ripreso e strumentalizzato il mio messaggio - spiega Varchetta - io poi ho degli amici che gestiscono un'attività privata e li conosco da prima di candidarmi".
L'imbarazzo del 32enne è evidente, così come è evidente l'infelicissimo messaggio che, a quanto ci ha riferito, è stato lasciato sulla sua pagina facebook non da lui ma da alcuni suoi collaboratori. Varchetta sostiene dunque che, l'opportunità di lavoro offerta, essendo collegata ad un'azienda privata e non pubblica, non rappresenta alcuna azione clientelare. "L'opportunità di lavoro - assicura poi il candidato al consiglio regionale campano-  è ovviamente una cosa che voglio offire a chiunque la meriti e non certo solo a chi mi voterà"
"Mi rendo conto che il messaggio sia decisamente ambiguo e che non avrei mai dovuto pubblicarlo - conclude - ma la mia coscienza è pulita e la mia buonafede testimoniabile da chiunque mi conosce al di la della mia attività politica. E poi, in ogni caso, chi fa clientelismo e vuol comprare voti non credo che vada a scriverlo così apertamente sul più famoso social network del pianeta"

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©