Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Escherichia coli: forse la responsabilità è dell'acqua inquinata


Escherichia coli: forse la responsabilità è dell'acqua inquinata
31/05/2011, 13:05

Escherichia coli: forse la responsabilità è dell’acqua inquinata. Le autorità sanitarie tedesche hanno confermato che le indagini epidemiologiche sui pazienti colpiti da Sindrome uremica emolitica (HUS) puntano il dito su: cetrioli, pomodori e insalata come veicolo dell’infezione

Le autorità sanitarie tedesche hanno confermato che le indagini epidemiologiche sui pazienti colpiti da Sindrome uremica emolitica (HUS) puntano il dito su: cetrioli, pomodori e insalata come veicolo dell’infezione. Ma le analisi microbiologiche di conferma sono ancora in corso e si lascia intendere che ci potrebbero essere altre cause.
In altre parole le autorità hanno individuato con sicurezza sui pazienti il ceppo epidemico responsabile (Escheichia coli O 104), ma lo stesso ceppo non è stato isolato con precisione sui cetrioli. C'è stato inizalmente un fondato sospetto che però gli accertamenti successivi non hanno confermato. In assenza di questo dato la situazione è un pò ferma e si attendono ulteriori sviluppi.

Vi è incertezza sulle cause che potrebbe essere stata alimentata dalla presenza del batterio nell'acqua di scolo degli allevamenti bovini che arrivando nei campi ha contaminato la falda. Sul fronte sanitario in Germania è iniziata la sperimentazione su 19 pazienti con un anticorpo monoclonale IG umanizzato: Eculizumab per cercare di evitare conseguenze tragiche per le persone in gravi condizioni.

Questo aspetto non è da sottovalutare perchè l'HUS provoca danni irreparabili ai reni. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di IDV e fondatore dello “Sportello Dei Diritti” in attesa di conferme invita ad usare la massima attenzione osservando poche norme d'igiene, come ad esempio lavare molto bene le verdure, gli utensili utilizzati in cucina, lavarsi bene le mani ed evitare il contatto di prodotti già lavati con quelli da lavare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©