Politica / Politica

Commenta Stampa

L’ex ministro: “La scelta verrà fatta nei prossimi giorni”

Europee, la Gelmini propone la candidatura di Marina e Barbara Berlusconi


Europee, la Gelmini propone la candidatura di Marina e Barbara Berlusconi
19/03/2014, 18:41

Silvio Berlusconi interdetto dai pubblici uffici per due anni. E’ questa la sentenza della Cassazione. Il Cavaliere è già stato condannato a 4 anni per frode fiscale e così, la possibilità di una sua candidatura alle Europee sembra ormai lontana. Forse, non può mancare la candidatura di un Berlusconi e così ecco rispuntare i nomi di Marina e Barbara che potrebbero dunque essere le nuove candidate alle elezioni Europee. La notizia è stata anticipata dall’ex ministro dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini che – durante un’intervista rilasciata a Radio Capital ha spiegato che la scelta definitiva dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

La notizia della candidatura della primogenita del Cavaliere è nell’aria da orai diversi mesi ma fin ora Marina ha sempre smentito l’ipotesi di un suo coinvolgimento in politica mentre, secondo indiscrezioni stampa, Barbara, attuale ad del Milan e figlia di Veronica, sarebbe più incline a fare il grande passo.

"Nel simbolo di Fi - conferma la vice presidente del gruppo a Montecitorio - il nome di 'Berlusconi Presidente' sarà comunque contemplato e, nel caso, potrebbe accompagnare la discesa in campo delle figlie di Berlusconi”, ha dichiarato la Gelmini.

"La scelta verrà fatta nei prossimi giorni. Se Barbara o Marina o entrambe sceglieranno di scendere in campo si tratterà di una scelta ponderata per difendere il percorso intrapreso da Silvio Berlusconi. In ogni caso sarebbero candidature che verrebbero accolte favorevolmente da Forza Italia", ha detto ancora l’ex ministro a Radio Capital.

Ma Giovanni Toti, consigliere politico di Silvio Berlusconi, non conferma le dichiarazioni della Gelmini: “La famiglia ha sempre smentito – ha dichiarato al Tg3 - e a me non risulta''.

Quanto alla decisione sull'affidamento ai servizi sociali o sui domiciliari per Silvio Berlusconi, prevista per il 10 aprile, Gelmini aggiunge che "l'affidamento ai servizi sociali può far sorridere ma consentirebbe di essere in campo. Rimarrei sorpresa se questa non fosse la scelta dei giudici".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©