Politica / Politica

Commenta Stampa

L'aereo dovrà essere completamente riprogettato

F-35, un flop che costerà all'Italia circa 10 miliardi


F-35, un flop che costerà all'Italia circa 10 miliardi
16/05/2012, 16:05

ROMA - L'Italia sta per spendere circa 10 miliardi per comprare 90 aerei (prima erano 140) F-35, i quali saranno di fatto completamente inutilizzabili. A dirlo non è qualche facinoroso dei centri sociali o qualche pacifista incallito, ma un documento tecnico portato all'attenzione del Ministero della Difesa statunitense, nel quale si descrive la situazione del caccia a questo punto.
Innanzitutto, riferisce che c'è stato un qualche errore di progettazione nel disegno della fusoliera, per cui l'aereo non è stabile, ha ogni tanto degli scossoni. Vediamo di spiegarci. Una volta gli aerei dovevano essere stabili, cioè essere in grado di volare in linea retta senza l'intervento del pilota. Oggi per i caccia si preferisce usare aerei instabili, la cui rotta viene mantenuta costante grazie ad un sistema computerizzato che corregge parecchie volte al secondo la traiettoria, dando una stabilità apparente. Il motivo è semplice: così è più facile effettuare quelle manovre improvvise che, in caso di combattimento, possono salvare la vita al pilota. Ma l'F-35 è eccessivamente instabile, per cui il lavorio necessario a tenerlo in linea è tale che il sistema computerizzato deve ordinare movimenti troppo ampi, che causano vibrazioni alla fusoliera. Cosa tutt'altro che rassicurante per chi vola a 1500 chilometri orari.
Anche il casco non funziona. Si tratta di un sistema che proietta i dati degli strumenti principali direttamente sulla visiera, in modo da poter controllare la situazione meglio di come avvenga con l'HUD, cioè lo schermo trasparente usato oggi. Ma il trasferimento dei dati è lento e dà una situazione leggermente diversa dal reale. In un settore dove mezzo secondo fa la differenza tra essere vivi o morti, non è un rischio che si può affrontare a cuor leggero.
Senza contare altri difetti di progettazione, come la pompa del carburante che a volte si blocca in caso di ripide picchiate o ripide salite; altra cosa che metterebbe gravemente in difficoltà il pilota.
Insomma, come aereo fa piangere. Eppure lo Stato italiano sta per versare circa 10 miliardi per comprare 90 di questi rottami volanti. Il che, in un momento di crisi, non è il massimo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©