Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il segretario del Pd a La Padania: “Collaboriamo”

Federalismo, Bersani allunga la mano alla Lega

“Che il Carroccio si svincoli dal presidente Berlusconi”

Federalismo, Bersani allunga la mano alla Lega
15/02/2011, 09:02

ROMA - Il federalismo come "riforma storica, epocale per la democrazia italiana", una riforma che il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, ha garantito "personalmente" e per il partito, "deve andare avanti e giungere a compimento". Dalle colonne del La Padania, Bersani non solo allunga la mano alla Lega, mettendola in guardia dal premier Silvio Berlusconi, "culturalmente e politicamente del tutto disinteressato al federalismo", ma presenta anche il Pd come naturale interlocutore per la Lega: "Ci sono due vere forze autonomiste in questo Paese: il Pd e la Lega". L'apertura del Pd nei confronti del Carroccio era stata preannunciata nel corso dell'ultimo congresso del Partito Democratico. Ed ecco il passaggio ai fatti. Pierluigi Bersani, infatti, in un'intervista rilasciata a La Padania, ha offerto un dialogo sulla riforma cara al Carroccio, assicurando che ci sarà una discussione e sottolineando: "noi ci crediamo, siamo gli unici a crederci, con voi (della Lega ndr)". E' questa l'estrema sintesi formulata dal segretario del Pd, per mandare un messaggio chiaro alla Lega: che si svincoli dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e dialoghi con il Pd su una riforma cara ad entrambi. Secondo Bersani, infatti, "il contesto politico attuale è un enorme ostacolo per il Federalismo"; bisogna, invece, "guardare oltre Berlusconi" perchè "questa è una riforma troppo importante e seria perchè venga costruita male, perchè sia vittima dello scenario politico". Nell'intervista rilasciata al quotidiano leghista, il segretario del Pd ha detto di considerare "qualsiasi soluzione meglio di quanto sta accadendo ora, anche in previsione di ciò che si prospetta nei prossimi mesi" e ha, quindi, invitato "tutte le forze politiche a considerare tutti questi problemi fornendo una disponibilità larga".

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©