Politica / Politica

Commenta Stampa

Ferrandelli (Pd), 'Nuovo stop a ddl ‘No Muos'

Ars commissariata, ora Parlamento nazionale batta un colpo

Ferrandelli (Pd), 'Nuovo stop a ddl ‘No Muos'
07/08/2013, 15:09

PALERMO - A due giorni dalla manifestazione nazionale che si terrà a Niscemi contro l’installazione del super radar Nato, arriva un nuovo stop al ddl "no Muos". Questa volta la scure della Segreteria generale dell'Ars si è abbattuta sul disegno di legge presentato, la scorsa settimana, da Fabrizio Ferrandelli, deputato regionale del Pd e segretario della Commissione Ambiente e Territorio. 

 

Il ddl Ferrandelli, firmato dall’intero gruppo del Pd all’Ars e dal M5S, mirava a vietare su tutto il territorio siciliano l'installazione di grandi opere e di impianti che potessero provocare gravi danni alla salute dei cittadini e all'ambiente per l'emissione diretta di campi elettromagnetici. Impianti, ad esempio, come il super radar Nato di Niscemi.

 

La presentazione di un secondo disegno di legge si era resa necessaria  dopo che la presidenza di Palazzo dei Normanni aveva bocciato in precedenza quello del governo che, oltre a vietare gli impianti elettromagnetici, introduceva temi, quali l’eolico e il nucleare, ritenuti dagli uffici non pertinenti alle competenze del parlamento regionale.

 

“E' la seconda volta in una settimana - dice Ferrandelli - che si impedisce al parlamento regionale, che è sovrano, di esaminare ed approvare semplicemente una legge. Siamo una regione speciale, certo, speciale nel senso che le decisioni, quelle più importanti, ho la sensazione che debbano essere prese altrove, da altri poteri”

 

“Sette giorni fa - conclude - ho parlato di golpe e di sovranità limitata, oggi mi limito a dire che siamo di fronte a un vero e proprio commissariamento dell’Ars. Il Parlamento nazionale, a questo punto, non può più tacere. Batta un colpo, dica chiaramente ai siciliani qual è il futuro della Sicilia: se trasformarla in un avamposto di guerra oppure farne un ponte di pace e di sviluppo al centro del Mediterraneo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©