Politica / Politica

Commenta Stampa

Fiat, Centrella (Ugl): "Bene Pomigliano, ma vigilare sempre"


Fiat, Centrella (Ugl): 'Bene Pomigliano, ma vigilare sempre'
10/02/2012, 15:02

“Dobbiamo dare atto a Fiat di aver mantenuto ad oggi gli impegni assunti negli accordi che abbiamo sottoscritto per la fabbrica di Pomigliano, anzi le riassunzioni stanno andando meglio di quanto ci potessimo aspettare. In ogni caso il sindacato deve continuare a vigilare con attenzione, monitorando la reale situazione in fabbrica, con un occhio particolare alla produzione”.

Lo ha detto il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, nel corso dell'incontro avvenuto oggi presso la sede dell’Ugl di Napoli, con i quadri sindacali di Fiat Pomigliano per un’analisi, una verifica e una discussione in merito agli effetti diretti sul territorio degli accordi sottoscritti con l’azienda. Presenti all'incontro anche il segretario nazionale dei Metalmeccanici, Antonio D'Anolfo, il vice segretario nazionale dei Metalmeccanici, Laura De Rosa, il segretario dell'Ugl Campania, Vincenzo Femiano, e dell'Ugl di Napoli, Franco Falco. Nonostante la "grande soddisfazione" espressa da Centrella in merito alla partenza della produzione della nuova Panda, il sindacalista non ha voluto negare “per rispetto nei confronti di tutti i lavoratori del Giambattista Vico e dei miei dirigenti sindacali, la preoccupazione per l'andamento del mercato dell'auto in Italia e in Europa, punto di riferimento dal quale ormai ne' l'azienda ne' il sindacato possono più prescindere nelle scelte e nell'analisi sull'andamento di un accordo produttivo”.

"Per Pomigliano - ha detto Centrella - mi aspetto il meglio, perché l'Ugl ha contribuito in modo decisivo alla realizzazione della Nuova Panda e quindi ha tutto l'interesse a valorizzarlo, perciò non dobbiamo mai smettere di sentirci tutti responsabili anche quando le cose vanno bene per il futuro di questa azienda importante non solo per la Campania ma per tutto il Paese, perché da essa dipende il destino dell'industria automobilistica italiana".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©