Politica / Regione

Commenta Stampa

Fiat, Cozzolino: più risorse nazionali per fronteggiare la crisi del settore auto


Fiat, Cozzolino: più risorse nazionali per fronteggiare la crisi del settore auto
30/01/2009, 18:01

"La questione Fiat in Campania, e in particolare la questione di Pomigliano, non possono che essere affrontate su un piano nazionale. L'azienda e il Governo debbono indicare una strategia e soprattutto debbono mettere a disposizione molte più risorse per fronteggiare la crisi. A quel punto, noi siamo pronti a fare fino fondo la nostra parte. Cosa che comunque stiamo già facendo grazie agli incentivi regionali e alle altre misure anticrisi che sono già a disposizione delle nostre imprese", così l'assessore regionale all'Agricoltura e alle Attività Produttive Andrea Cozzolino nel corso dell'audizione tenuta oggi presso la III Commissione Regionale, dove si è discusso della crisi dell'auto in Campania.
"C'è rammarico per non essere stati ascoltati a novembre scorso, quando abbiamo chiesto al Governo che non fossero interrotti, al 31 dicembre, gli incentivi per la rottamazione. Ed è paradossale che oggi si torni a discutere proprio di questo. Si sono perse settimane preziose".
"È del tutto evidente, però, che il Governo deve fare molto di più per il settore dell'auto. I 300 milioni annunciati sono troppo pochi. In Francia Sarkozy si è preso uno sciopero generale con un piano di investimenti di oltre 5 miliardi di euro".
"La Regione, sia attraverso le iniziative in Consiglio, da parte della maggioranza e dell'opposizione, sia attraverso i provvedimenti della Giunta e dei singoli assessorati, sta facendo la sua parte. Occorre, però, che vi sia un impegno analogo anche in Parlamento, soprattutto da parte dei rappresentanti campani, che finora sono stati poco presenti su questa questione. C'è bisogno di un'iniziativa bipartisan per sollecitare il Governo a prendere misure più forti per fronteggiare la crisi".
"La priorità oggi è rilanciare le vendite del settore auto. Senza una domanda che riprende a crescere non è possibile realizzare nessuna politica di sostegno al settore dell'auto. E su questo, ovviamente, occorre una strategia nazionale, a partire dal rilancio delle politiche di investimenti per il rinnovo del parco dei mezzi pubblici. Anche come Regione Campania, insieme all'assessore ai trasporti Cascetta, stiamo mettendo a punto una serie di iniziative in questa direzione".
"È necessario, poi, un piano di rilancio degli investimenti nel settore della ricerca. La sfida è fare auto sempre più ecocompatibili, sperimentando nuove soluzioni tecnologiche. Su questo è possibile far convergere risorse nazionali con risorse europee messe a disposizione delle regioni".
"Occorrono più risorse per gli ammortizzatori sociali, in modo da coprire tutto il 2009. Su questo aspetto, insieme all'assessore Gabriele, stiamo facendo un lavoro positivo con il sottosegretario Viespoli".
"Nelle prossime settimane lavoreremo per accelerare gli investimenti sui 4 contratti di programma regionali già approvati che rientrano nell'ambito del settore auto. Vogliamo poi riaprire l'incentivo per il consolidamento delle passività dal breve al lungo periodo per le piccole imprese, legando il finanziamento all'impegno di mantenere inalterati i livelli occupazionali. Stiamo, infine, studiando misure a sostegno dei giovani precari sotto i 30 anni".
"Il 2009 sappiamo che sarà un anno difficile. Noi dobbiamo superarlo provando a ridurre quanto più è possibile il danno per farci trovare pronti alla ripresa che si annuncia a partire dal 2010", conclude Cozzolino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©