Politica / Napoli

Commenta Stampa

Ficus di 170 anni a rischio nel Palazzo Reale di Napoli

Scarica l'allegato
Ficus di 170 anni a rischio nel Palazzo Reale di Napoli
28/08/2012, 11:24

E' li da centosettanta anni e si erge maestoso a fianco del palazzo Reale di Napoli e qualcuno, invece di proteggerlo, ha pensato di coprire l'apparato radicale con un misto di malta, cemento e basoli. Alcune radici risulterebbero recise per sistemare gli stessi basoli e questo potrebbe comportare dei danni alla pianta.E' quanto denunciano Carmine Attanasio e Francesco Borrelli, rispettivamente garante e commissario regionale dei Verdi Ecologisti,  che si dicono stupefatti che non ci sia alcuna attenzione verso gli ultimi "Patriarchi Arborei" della nostra città. Certe essenze arboree, continuano Attanasio e Borrelli, nelle grandi città metropolitane dovrebbero essere censite e godere della massima protezione attraverso l'eliminazione di tutte le cause non naturali che potrebbero portare, soprattutto in periodi di caldo eccezionale come questi, all'asfissia dell'apparato radicale delle stesse piante. Prima di denunciare la problematica abbiamo incaricato un professionista di parte di confermare le nostre preoccupazioni e lo stesso consiglia la rimozione dei basoli e del malto che imprigiona la storica e maestosa essenza arborea. A questo proposito chiediamo al soprintendente Gizzi d'intervenire con la massima immediatezza a tutela dello storico Ficus di palazzo Reale e all'assessore all'ambiente Sodano di procedere al censimento e alla messa in sicurezza di tutti gli alberi secolari della nostra città.

N.B. Si allega perizia dell'architetto Cesare Pontoni, esperto in giardini e paesaggio. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©