Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il testo “Abc” non convince. Se ne parla lunedì prossimo

Finanziamento ai partiti: niente intesa, tutto rimandato


Finanziamento ai partiti: niente intesa, tutto rimandato
03/05/2012, 19:05

ROMA - Sul testo che dovrebbe tagliare il finanziamento pubblico ai partiti, o quantomeno renderli più trasparenti e moderati, l’intesa nella maggioranza non c’è e quindi tutto è stato rinviato alla prossima settimana, vale a dire dopo le amministrative. La proposta sarebbe dovuta arrivare oggi in commissione Affari Costituzionali della Camera, ma i due relatori Gianclaudio Bressa del Pd e Peppino Calderisi del Pdl, che si erano dati tempo fino a questa mattina per presentare il testo base, alla fine hanno chiesto più tempo per un approfondimento tecnico: per arrivare ad “una messa a punto tecnica”, fanno sapere i diretti interessati, e per “armonizzare” la normativa tedesca sul finanziamento con quella italiana. Il modello al quale la maggioranza vorrebbe ispirarsi per modificare il meccanismo del finanziamento ai partiti è infatti quello tedesco.
La mancanza d’intesa, secondo i dipietristi, altro non sarebbe che l’incapacità di Pd, Pdl e Terzo Polo di concretizzare gli annunci fatti nei giorni scorsi dall’ABC della politica italiana. E questo non può passare inosservato dinanzi “all’ondata di anti politica che monta nel nostro Paese”. Manca l’intesa nella maggioranza, dunque, e la strada per arrivare ad un testo condiviso in materia di finanziamento pubblico ai partiti sembra complicarsi. Intanto, la decisione è stata quella di far slittare tutto a lunedì prossimo, entro e non oltre le ore 15. Con conseguente spostamento dell’intero calendario dei lavori: martedì 8 la commissione si riunirà per adottare il testo base e presentare gli emendamenti. Entro mercoledì sera dovrebbe esserci il voto finale, ma ci sarà prima un Ufficio di presidenza per valutare lo stato dell’arte e capire se il 14 maggio la proposta può andare in aula come previsto. Altrimenti potrebbe anche essere che l’esame in Assemblea slitti di una settimana, cioè al 21 maggio.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©