Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ma il Pdl vuole anche una norma ad hoc per Forza Italia

Finanziamento ai partiti, Pd e Pdl litigano sul tetto


Finanziamento ai partiti, Pd e Pdl litigano sul tetto
24/09/2013, 19:29

ROMA - Si blocca in Commissione Affari Costituzionali l'esame della legge sul finanziamento pubblico ai partiti, che quindi arriverà in Aula "non finito". Questo significa che tutti gli emendamenti non esaminati potranno essere ripresentati. 
Il blocco è stato dovuto a tre diverse pretese del Pdl: innanzitutto quella di cancellare il tetto di 100 mila euro come finanziamento privato ai partiti. E qui la motivazione appare evidente: bloccherebbe a Berlusconi la possibilità di finanziare il partito (e scaricare una parte dei suoi guadagni e di ciò che possiede). Poi un emendamento, sempre del Pdl, che decreta la depenalizzazione del reato di finanziamento illecito. Il terzo, è l'emendamento ad personam, che non manca mai nelle leggi sostenute dal Pdl: una legge che consente anche ai partiti, che ancora non si sono presentati alle elezioni ma sono in Parlamento, di ricevere il finanziamento pubblico. E qui è evidente l'interesse a finanziare Forza Italia, non ancora nata e che deve prendere il posto del Pdl. 
La discussione adesso continuerà domani in aula a partire dalle 16. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©