Politica / Regione

Commenta Stampa

Finanziaria: Caputo, svilito il ruolo del consiglio regionale


Finanziaria: Caputo, svilito il ruolo del consiglio regionale
03/03/2011, 09:03

“Una Finanziaria modesta e di basso profilo, quella approvata, con il voto di fiducia, dalla maggioranza di governo, che non mette in campo nessuna politica per favorire la ripresa economica della Campania e che , per effetto del voto di fiducia, svilisce il ruolo e la funzione del Consiglio Regionale"

Lo dichiara Nicola Caputo, Consigliere regionale e Presidente della Commissione Trasparenza dopo l’approvazione della Legge Finanziaria della Regione Campania.

“La cosa più inquietante – sostiene Caputo - è che la nuova legge finanziaria introduce norme di vario contenuto tra cui alcune inutili come il comma 141, altre insignificanti come la definizione di specie arboree, altri discutibili come i commi 234-237 che prevedono, addirittura, la possibilità, per i direttori generali di scegliersi i primari in dispregio totale del principio di meritocrazia” .

“La più aberrante – continua il Consigliere Caputo - rimane quella prevista al comma 33, volta a condizionare l’autonomia legislativa del Consiglio Regionale, in una logica illiberale e lesiva del ruolo che esso riveste.”.

“E' stata scritta una brutta pagina per l'Istituzione Regione, apporre la fiducia in quel modo su un documento formalmente inesistente è stato un atto gravissimo. Nelle prossime settimane – prosegue - interesserò gli organi preposti per verificare se ci siano in questa ed in altre singolari norme di questa finanziaria, vizi di illegittimità ed incostituzionalità”.

“Con questo voto proposto tra l’altro in maniera impropria ed in violazione dello statuto e delle leggi, abbiamo assistito ad un vero e proprio svuotamento del ruolo del Consiglio Regionale”.

“Unitamente a tutto il gruppo PD – spiega il Consigliere regionale Nicola Caputo - prenderò iniziative affinché venga ripristinato un regime di garanzia del rispetto delle regole e delle procedure del Consiglio regionale; non escludo un ricorso alla magistratura ordinaria e una istanzae al Presidente della Repubblica”.

“Utilizzerò, tutti gli strumenti in mio possesso, - annuncia Caputo - anche l’iniziativa legislativa con la presentazione di 267 proposte di legge abrogative o modificative delle norme della finanziaria 2011, affinchè vengano salvaguardati i ruoli e l’autonomia delle decisioni dei diversi Organi Istituzionali della Regione, e vengano rispettati lo Statuto, le leggi e la Costituzione”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©