Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Fanno discutere le richieste della Lega

Finanziaria: presentati gli emendamenti


Finanziaria: presentati gli emendamenti
27/11/2009, 23:11

ROMA - Scadeva oggi il termine ultimo per presentare emendamenti alla Finanziaria e così, nella giornata di oggi, c'è stata una vera e propria raffica di emendamenti presentati in Commissione Bilancio, 300 quelli provenienti soltanto dalla Lega.
Adesso gli emendamenti saranno esaminati fino a sabato prossimo e poi, dal 9 dicembre, il testo passerà all'aula. Molte le modifiche richieste.
In particolare il Partito democratico, chiede una manovra su lavoro, famiglie e comuni, una sorta di maxi-emendamento per un totale di spesa di 5 miliardi di euro. Oltre a questo “emendamentone” che raggruppa tutte le proposte, si affiancano diversi interventi contenuti in vari emendamenti. Si chiede un aumento delle detrazioni per lavoratori dipendenti e pensionati con un reddito fino a 55mila euro e delle detrazioni in favore delle famiglie con figli. Per quanto riguarda i comuni, viene previsto la restituzione del modulo Ici per il 2010 e un allentamento del patto di stabilità a favore degli enti virtuosi. Per le imprese si prevede di trasformare una parte degli attuali trasferimenti in crediti di imposta per la ricerca e in un fondo per il credito alle Pmi.
La Lega invece, tra gli oltre 300 emendamenti, ne ha presentato uno destinato a far discutere e incentrato sugli extracomunitari. Il Carroccio, infatti, ha proposto un emendamento che limita a sei mesi gli strumenti di sostegno al reddito (cassa integrazione) per i cittadini extracomunitari che lavorano in Italia. A farsi carico dell'annuncio è stato il deputato Maurizio Fugattin che ha dichiarato: "Le risorse sono quelle che sono e prima di tutto dobbiamo guardare ai cittadini italiani. Quindi diamo la cassa integrazione anche ai cittadini extracomunitari ma solo per sei mesi. Se non c'è lavoro per gli italiani, non c'è per nessuno. Prima dobbiamo pensare agli italiani". Dura la reazione dell'opposizione che lo ha già definito un emendamento xenofobo, razzista e palesemente incostituzionale. Un altro degli emendamenti alla Finanziaria proposti dal Carroccio di chiede l'aumento della Robin tax, per i petrolieri che realizzano un extraprofitto ritardando l'adeguamento dei prezzi di vendita alle quotazioni al ribasso del petrolio.
Infine il Pdl ha concentrato le sue istanze in 13 emendamenti, principali, con i quali si chiedono soldi per ammortizzatori sociali, per il rifinanziamento del fondo solidarietà nazionale, incentivi assicurativi per l'agricoltura, per gli enti no profit, il rifinanziamento di una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito e altri 100 milioni per il comparto sicurezza.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©