Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Al via le attività Etihad

Fincantieri sbarca negli Emirati Arabi

Il principale centro del Golfo costruirà navi su commissione

Fincantieri sbarca negli Emirati Arabi
06/03/2012, 18:03

ABU DHABI - Etihad Ship Bulding, la joint venture costituita da Fincantieri e i gruppi emiratini Al-Fattan Ship Industries e Melara Middle East, ha celebrato oggi l'avvio delle attività operative, nella giornata della visita del ministro della Difesa Giampaolo Di Paola accompagnato dell'ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti (Eau) Giorgio Starace. «Etihad si propone come principale centro logistico per la regione del Golfo nella prospettiva di costruire navi commissionate dalle Marine locali e consolidare rapporti economici e diplomatici già esistenti», ha detto Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, sottolineando come la collaborazione con gli Emirati sia un punto di partenza strategico per l'espansione del gruppo nell'area, regione chiave per le opportunità che offre nella cantieristica militare e civile.  La cooperazione tra Fincantieri e Eau Uniti ha iniziato a prendere forma dal 2009 e si è già concretizzata, oltre che con la costituzione di Etihad, con la realizzazione per la Marina emiratina di tre unità, una corvetta classe «Abu Dhabi» e due pattugliatori «stealth» classe «Falaj2» che saranno consegnate entro l'inizio del 2013. L'obiettivo del nuovo partenariato italo-emiratino, portare ad una espansione e ottimizzazione dell'impiantistica dei cantieri locali che si trovano ad Abu Dhabi per la costruzione di navi oltre i 30 metri e per la gestione di operazioni di refitting e upgrading di navi già esistenti. Rimangono, e saranno ulteriormente rafforzati, gli aspetti delle ripazioni navali e della formazione di personale emiratino da parte di Fincantieri.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©