Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Non ho cambiato idea e credo ancora nel bipolarismo"

Fini a Bossi:"Suicidio è negare l'universalità dei diritti"


Fini a Bossi:'Suicidio è negare l'universalità dei diritti'
12/09/2009, 17:09

Gianfranco Fini arriva a Chianciano Terme per gli stati generali dell'Udc e si guadagna uno scrosciante applauso subito dopo la sua risposta a Bossi. Ieri, infatti, il leader della lega aveva accusato Fini di volersi "suicidare" proponendo il voto agli immigrati. Il Presidente della camera ha però risposto così al Senatùr: "Lo dico a Bossi: negare che accanto alla politica dei doveri verso gli immigrati c'e' la politica dei diritti non credo sia un siucidio politico, farlo e' il suicidio della ragione, non solo della pieta' cristiana. E' nel nostro interesse ragionare su queste questioni".
I presenti al discorso di Chiaciano Terme si sono spellati le mani, applaudendo a lungo l'ex Annino.
Uno sguardo e qualche dichiarazione anche sul tema caldo e delicato del bipolarismo (tanto caro proprio all'Udc) "Piu' che archiviare il bipolarismo, bisogna lavorare per renderlo europeo", ha infatti sostenuto la terza carica dello stato che poi ha precisato che non ha mai smesso di credere nel sistema bipolare. Accompagnato da Rocco Buttiglione al Palamontepaschi, Fini ha dunque ricevuto il plauso della platea centrista ed ha lasciato gli stati generali dell'unione di centro dopo circa un'ora d'appassionato intervento. Che sia l'inizio di una nuova "simpatia"? Che sia possibile, in un futuro non troppo lontano, un'alleanza tra centro ed ex destra? L'ardua sentenza speriamo di non lasciarla ai posteri.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©