Politica / Regione

Commenta Stampa

Riscontro positivo a Napoli per il nuovo movimento FLI

Fini a Napoli: presentazione del libro “In alto a destra”


.

Fini a Napoli: presentazione del libro “In alto a destra”
16/10/2010, 14:10

 Napoli – Hotel Ramada. Il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha partecipato alla presentazione del Libro “ In alto a Destra “, una raccolta di interventi finiani che dal 2007 testimoniano il desiderio di una mutazione politica. Autore del libro Giuliano Compagno , che insieme alla collaborazione di numerosi intellettuali, che si definiscono “teste libere e pensanti “, hanno dato vita al primo libro di testo sulla politica finiana. “ La politica senza cultura non può esistere “così interviene Compagno ,incitando il mondo degli intellettuali a partecipare ad un cambiamento del rapporto tra politica e cultura.
Presenti all’evento, oltre ad una sala stracolma di persone, numerosi esponenti di Futuro e Libertà . A partire da Enzo Rivellini, Europarlamentare e coordinatore della FLI Campania; Italo Bocchino,capogruppo FLI Camera Deputati ; Pasquale Viespoli , capogruppo FLI Senato e il Coordinatore nazionale FLI Adolfo Urso.
L’intervento di apertura è stato quello dell’On. Bianca D’Angelo , che ha ribadito l’esigenza a Napoli e nell’intero Sud di un miglioramento delle condizioni della sanità , soffermandosi allo stesso tempo sulla questione delle pari opportunità.
La parola è passata subito all’On. Rivellini: “ Noi amiamo il motivato dissenso, perché questo rappresenta la coscienza, e che amarezza nel vedere persi sia l’uno che l’altro”. Queste le parole dell’Europarlamentare che fattosi portavoce di una comunità pronta a sostenere il presidente della Camera nelle sue battaglie, continua dicendo “ Vogliamo non solo assistenza sanitaria ma anche assistenza sociale. Non è ammissibile che nell’anno 2009 si è verificata la fuga di numerosissimi laureati con 110 e lode dal nostro paese.”Altre le questioni toccate, tra queste la richiesta di modificare la legge elettorale e quella che l’IVA vada non più in mano al venditore ma all’acquirente.
“ Il nostro sogno è costruire una politica che possa riunire l’Italia , il Nord e il Sud , i giovani e gli anziani , in modo da poter riottenere un’Italia unita “, così interviene Urso .Il concetto viene poi ribadito anche da Rispoli , che continua :” Il sud che torna in piedi non sarà quello del clientelismo ma un Sud che guarda avanti facendosi carico che il primo valore da perseguire è quello della legalità , perché questo rappresenta sia la crescita che lo sviluppo”.
Dopo la consegna da parte di Rivellini al Presidente di due regali simbolo , quali un libro su Federico II di Hohenstaufen ed una maglietta, naturalmente originale, della squadra del Napoli, Fini interviene , sostenendo come primo concetto : “ Futuro e Libertà non vuole proporsi come un partito , perché l’Italia non ne necessita ma si propone come forte movimento di opinioni”. “FLI si rivolge a tutti gli elettori , sia a quelli delusi dalla politica ma soprattutto a quelli che non inorridiscono davanti a compromessi. Esclusi solo parassiti e delinquenti”.
Ritorna anche con Fini il concetto di risanare l’Italia ma questa volta ad essere sottolineato è la questione tra gli anziani e i giovani : è inammissibile che “ la situazione si sia rovesciata. Un tempo era il primo stipendio dei nipoti ad aiutare l’anziano . Adesso è la pensione del nonno a sostenere il nipote”. Le ambizioni quindi si fanno carico di aiutare i giovani a non avere più paura nel futuro e soprattutto di sollevare la coscienza degli stessi per evadere da un pensiero ormai comune : che le cose in Italia vanno e andranno sempre nello stesso modo .







Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©