Politica / Parlamento

Commenta Stampa

FINI: NON SI ABUSI DEL DECRETO LEGGE


FINI: NON SI ABUSI DEL DECRETO LEGGE
02/10/2008, 14:10

Gelo tra Berlusconi e Fini sul ricorso alla decretazione d’urgenza. “Il ricorso ai decreti legge rientra tra le prerogative del governo. Un eventuale abuso di questo strumento non solo determinerebbe valutazioni di tipo politico, ma anche il diritto della Camera di far sentire la propria voce”. Così il presidente della Camera Gianfranco Fini.


Fini ha risposto, in particolare, a Pier Ferdinando Casini e ad Antonello Soro. “Mentre nel presidenzialismo americano in queste ore si cerca il confronto tra repubblicani e democratici - afferma il leader dell’Udc - noi ci sentiamo dire che bisogna andare ancora più avanti nella strada della decretazione d’urgenza. Il presidente Fini è un convinto sostenitore del Parlamento, chiediamo di mostrarlo nei fatti, perché la deriva assunta porterà nella prossima finanziaria a un emendamento sulla soppressione degli enti inutili, nei quali ci sarà anche il Parlamento”


Durissimo anche il capogruppo del Pd. “Dal governo c’è un atteggiamento di disprezzo per il Parlamento. Se il ministro Tremonti è impegnato a venir qui, venga anche per un minuto il presidente del Consiglio che tempo dovrebbe averne di più. Se nei giorni scorsi ha trovato il tempo per ricaricare le sue batterie, ora può trovarlo per venire alla Camera”. Insomma piacciono a pochi, anche nella maggioranza, le idee dei Presidente del Consiglio per fare passare più velocemente le leggi. Una maggioranza che non fa registrare buoni rapporti neanche su altri fronti. Il crack del Comune di Catania, colmato subito con fondi statali, non è stato molto gradito dalla Lega.
 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©

Correlati