Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Monito del Presidente della Camera sulle riforme

Fini: stop di 5 anni per i politici condannati


Fini: stop di 5 anni per i politici condannati
22/02/2010, 19:02

MILANO - «Spero che, finita la consultazione elettorale di marzo, si parta finalmente con un disegno di riforma della Costituzione partendo da ciò che si può fare con una larga condivisione» queste le parole di Gianfranco Fini in visita a Milano. Un auspicio quello del numero uno di Montecitorio affinché si giunga al più presto ad un quadro definito dell’assetto costituzionale.
Fini torna anche sulle ultimi indagini su grandi eventi e appalti, sostenendo di non ritenere che si tratti di una «nuova tangentopoli» ma di un «fenomeno di malcostume diffuso». «Non è sufficienti essere arrestati - è l'opinione di Fini - per essere automaticamente dei delinquenti».
Il Presidente della Camera dei Deputati lancia anche la sua personale proposta sulle "liste pulite" andando oltre il piano di Berlusconi di escludere dalle elezioni i candidati corrotti. «Se domani - è il pensiero del co-fondatore del Pdl - il Parlamento approvasse col voto di tutti una leggina per cui chi è condannato con sentenza definitiva per reati contro la Pubblica Amministrazione per 5 anni non si può candidare, la pubblica opinione direbbe "meno male", reagirebbe positivamente, e le istituzioni politiche acquisterebbero un tassello di fiducia in più rispetto a oggi».

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©