Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'onorificenza conferita oggi al padre della ragazza

Firenze ha un nuovo cittadino: Beppino Englaro. Anzi, Eluana


Firenze ha un nuovo cittadino: Beppino Englaro. Anzi, Eluana
30/03/2009, 19:03

“Grazie di essere qui. La cittadinanza è per Eluana”. Con queste parole Beppino Englaro ha cominciato il suo discorso nell’aula del Consiglio comunale di Firenze, dove gli è stata consegnata la cittadinanza onoraria. “Firenze è città di libertà e ribelle, - ha detto ancora Beppino, - in perfetta sintonia con il carattere di Eluana”.

Prima di lui hanno parlato Eros Cruccolini, presidente del Consiglio comunale, ed Eugenio Giani, assessore alle Tradizioni popolari, che ha illustrato le motivazioni del riconoscimento a nome del sindaco Leonardo Domenici ed ha consegnato a Beppino Englaro la pergamena che da oggi ne fa un cittadino onorario di Firenze.

In segno di protesta, i consiglieri del Pdl hanno abbandonato l’aula tra i fischi dopo aver consegnato a Beppino Englaro una lettera aperta nella quale si spiegavano le ragioni del loro comportamento. “Gentile signor Englaro, - si legge, - non parteciperemo alla cerimonia con la quale le verrà assegnata la cittadinanza onoraria di Firenze. Noi abbiamo rispetto per il dramma personale da lei vissuto con grande sofferenza”, ma “la cittadinanza onoraria che lei oggi riceverà sarà una cittadinanza moralmente dimezzata” in quanto ottenuta “sulla base di motivazioni non condivise dall’intera città”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©