Politica / Regione

Commenta Stampa

Firmato il protocollo per la caserma carabinieri a San Cipriano in bne confiscato


Firmato il protocollo per la caserma carabinieri a San Cipriano in bne confiscato
13/10/2011, 14:10

“La firma del protocollo testimonia un impegno molto forte da parte della Giunta regionale della Campania per San Cipriano d'Aversa e il basso casertano. Un impegno che dimostra che qui lo Stato e la Regione ci sono: nonostante la situazione non florida per le casse dell’ ente di Palazzo Santa Lucia, siamo riusciti a salvare il finanziamento destinato alla ristrutturazione dell'edificio”.
Così l'assessore ai Lavori pubblici di Palazzo Santa Lucia Edoardo Cosenza commenta la firma dell'intesa tra Regione Campania, Comune di San Cipriano d'Aversa, Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Caserta e Provveditorato alle Opere pubbliche per la Campania e il Molise, avvenuta questa mattina alla presenza del viceprefetto vicario di Caserta Luigi Armogida. Un protocollo che porterà ad insediare una Caserma dei Carabinieri in un bene confiscato alla camorra: la villa di Ernesto Bardellino, fratello di Antonio.
“Il finanziamento, pari a 500mila euro – ha detto l'assessore Cosenza – è già pronto: viene concesso al Comune per la ristrutturazione della palazzina a tre piani”.
A svolgere materialmente le attività sarà il Provveditorato alle Opere pubbliche per conto dell'ente municipale: “Ci prefiggiamo – ha detto il provveditore alle opere pubbliche, Giovanni Guglielmi - di poter concludere i lavori entro l'estate prossima. Si tratta di un risultato importante, al quale si è potuti giungere grazie ad una forte sinergia istituzionale”. Anche il colonnello Crescenzio Nardone ha evidenziato che “il protocollo è un passo fondamentale per riuscire ad avere la Caserma entro l'anno prossimo”, mentre per il sindaco di San Cipriano, Enrico Martinelli “la caserma rappresenterà un presidio di legalità e avrà un alto valore emblematico proprio perché sorgerà laddove in passato c'era un simbolo di illegalità.”


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©