Politica / Parlamento

Commenta Stampa

I 3 partiti decidono di astenersi sulla sfiducia a Caliendo

Fli, Api ed Udc, prove di una nuova DC


Fli, Api ed Udc, prove di una nuova DC
03/08/2010, 15:08

ROMA - Quelle che inizialmente erano voci, hanno trovato puntuale conferma: al termine di una riunione, Fli, Udc e Api hanno deciso l'astensione di massa sulla mozione di sfiducia presentata da Italia dei Valori contro il sottosegretario Giacomo Caliendo, per il suo coinvolgimento nell'inchiesta sulla cosiddetta P3. COn questa decisione i tre partiti garantiscono al sottosegretario la permanenza nel governo: numeri alla mano, anche se Idv e Pd votassero compatti a favore della mozione, per essere approvata, essa avrebbe bisogno di trovare larghi vuoti nella maggioranza. Cosa improbabile, dato che il Presidente dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto, ha precettato tutti i deputati a restare in aula fino alla fine della votazione per questa mozione di sfiducia.
Intanto c'è da notare la singolare velocità con cui è stato trovato un accordo tra questi tre partiti. Insomma, sembra che sia l'ennesimo tentativo di creare il famoso "terzo polo" o "nuova Dc". Un tentativo destinato a fallire come i precedenti: dal momento che c'è una persona - Silvio Berlusconi - che considera gli altri come servi o come nemici, senza alcuna alternativa, e che ha il potere economico per comprare gli uni e gli altri, anche questo terzo polo finirà col farsi assorbire dal partito di Berlusconi. Per il momento si limitano a spianargli la strada, come in questo caso evitando di votare la mozione di sfiducia, per iniziare la captatio benevolentia tipica di questi presunti gruppi terzi

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©