Politica / Regione

Commenta Stampa

Sanità in Campania

Fli: basta ragionieri, giunta deve governare

La nota dell'europarlamentare Enzo Rivellini

Fli: basta ragionieri, giunta deve governare
28/12/2010, 17:12


NAPOLI - "E' ora di iniziare a governare la Regione, basta con i ragionieri e le alchimie contabili. La sanità è in condizioni assolutamente drammatiche come prova il caso dei precari. Come se tutto ciò non bastasse anche il management sanitario, che dovrebbe occuparsi del governo delle Asl e delle Aziende ospedaliere, è in grande difficoltà come provano gli avvicendamenti dei commissari straordinari e la mancata designazione dei sub-commissari sanitari ed amministrativi". Lo sottolinea una nota del coordinamento regionale della Campania di Futuro e Libertà, guidato dall'europarlamentare Enzo Rivellini "Per tutti questi motivi venerdì 31 dicembre alle ore 11 nei pressi di Palazzo Santa Lucia, sede della Giunta, ci sarà una nostra manifestazione per chiedere all'Amministrazione Caldoro di governare. E' l'ora delle responsabilità: basta con le giustificazioni contabili. I cittadini, i medici, gli operatori sanitari, i precari della sanità che consentono al sistema ancora di stare in piedi vogliono atti concreti. La manifestazione di FLI non a caso si svolgerà il 31 dicembre: siamo responsabili della vittoria del 2010 ed intendiamo dare la sveglia per il 2011 alla Giunta Caldoro - sottolinea Fli - che sembra più un ufficio contabile che un organo politico".
"Oggi i campani ripongono anche in FLI aspettative ed istanze perché, tra l'altro, abbiamo contribuito alla vittoria alle regionali del centrodestra e per questa ragione, da forza responsabile e di governo, vogliamo offrire il nostro contribuito costruttivo a chi guida l'esecutivo e deve iniziare a compiere atti di Governo senza più appellarsi a problemi tecnici e finanziari. In Campania - conclude la nota di Fli - la gente vuole un Governo che governi e non si limiti ad offrire ogni giorno alibi ragionieristici che nel tempo rischiano solo di divenire ammissione di incapacità ed impotenza politica".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©