Politica / Regione

Commenta Stampa

Foglia (UDC): "“L’Italia e il sistema economico per crescere devono puntare sul concreto"


Foglia (UDC): '“L’Italia e il sistema economico per crescere devono puntare sul concreto'
02/02/2013, 12:41

L’Italia e il sistema economico per crescere devono puntare sul concreto, sull’agricoltura e sui giovani, posto che il settore è ad alto tasso d’invecchiamento, solo il 3% di aziende è condotto da under 35, mentre la gran parte di imprese è in mano agli over 60”. Così Pietro Foglia, presidente della commissione regionale Agricoltura della Campania e responsabile Mezzogiorno UDC che questa mattina ha partecipato alla II Edizione del Forum ANGA-Giovani Agricoltori di Confagricoltura che si è svolto a Napoli.

 

Pur pienamente consapevole che nella crisi occorra stringere la cinghia ed ottimizzare le spese, sono convinto, come l’ANGA,  che non è pensabile tagliare sugli investimenti essenziali per il futuro” ha detto ancora Foglia, per il quale:

I numerosi giovani, che hanno voglia di dar vita ad una nuova impresa, oggi si scontrano con un muro di gomma. L’Italia, finora, ha tralasciato e sottovalutato una parte importante del suo capitale umano, i giovani, causando una perdita immensa per l’economia e per il futuro. Le nuove generazioni possono essere una delle risposte più efficaci alle complesse sfide che abbiamo davanti”.

 

Per il responsabile Mezzogiorno UDC: “Il Forum di oggi è un contributo prezioso all’analisi delle tematiche più calde sul tappeto per costruire nuove politiche di sviluppo a favore della imprenditoria nazionale, abbandonando falsi miti, inesattezze, equivoci e ricomponendo semplicemente l’innovazione. Ripartire, dunque, dalla terra è un auspicio ma anche un invito di chi ha davanti almeno trenta, quaranta anni di lavoro ed è convinto che lo sviluppo e il futuro dell’intero sistema Paese parta proprio dall’agricoltura intesa nella sua multifunzionalità”.

 

Infine, ribadendo grande apprezzamento per il lavoro svolto dal Ministro Catania a cui va dato l’importante merito, secondo Foglia, anche di aver proposto un disegno di legge per porre un freno alla cementificazione dei suoli agricoli, è necessario perseguire politiche che prevedano meno tasse in favore dello sviluppo. “Come primo provvedimento cancellerei l'Imu sui beni strumentali agricoli – ha detto chiaramente Foglia - ripristinando la tassazione su base catastale per le società, comprese le società di capitali. Poi, ritenendo che innovazione è cultura d'impresa, varerei un serio programma di ricerca e innovazione sfruttando anche i nuovi programmi comunitari”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©