Politica / Regione

Commenta Stampa

Fondi comunicazione,custodia cautelare a consiglieri regionali

Ipotizzata una truffa per 4.5 milioni di euro

.

Fondi comunicazione,custodia cautelare a consiglieri regionali
22/04/2013, 11:44

NAPOLI - Consiglio regionale della Campania nuovamente nella bufera giudiziaria per i fondi destinati alla comunicazione. La Guardia di Finanza del Nucleo Tributario di Napoli  ha provveduto all’esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 2 consiglieri regionali in quota a Noi Sud. Truffa ai danni dello Stato, questo il reato ipotizzato per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari per il consigliere Sergio Nappi e l’obbligo di dimora, invece, per Raffaele Sentiero. L’ipotesi di reato formulata dalla procura partenopea riguarderebbe l’utilizzo per fini personali di fondi pubblici resi disponibili dalla Giunta Regionale per il settore comunicazione. Le indagini degli uomini delle Fiamme Gialle hanno consentito di accertare l’ammontare delle erogazioni e le modalità con le quali venivano determinate le assegnazioni. L’ammontare complessivo annuo è di 4,5 milioni di euro, dei quali sono finiti sotto la lente dei finanzieri due richieste di rimborso per attività di comunicazione, mai effettuate, secondo la procura, una di oltre 22mila euro  ed una altra per quasi 32mila euro. L’inchiesta ha permesso di evidenziare le modalità con le quali venivano richiesti i rimborsi tramite fatture predisposte ad hoc. Relativamente al caso del consigliere Nappi, la GdF ha accertato fatture emesse prima ancora dell’elezione del consigliere alla carica istituzionale; mentre per Sentiero, si tratta di fatture emesse da una non meglio identificata società di  Castelvolturno il cui amministratore risulta essere un pluripregiudicato per rapina e furto che si era prestato a rivestire una carica societaria in cambio di 100 euro. La procura ha riscontrato, tra le altre cose, 2 fatture con lo stesso numero rimborsato per ben due volte al consigliere Nappi senza che la circostanza avesse destato alcun sospetto agli uffici preposti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©