Politica / Regione

Commenta Stampa

Fondi Europei: pagamenti più veloci per gli agricoltori


Fondi Europei: pagamenti più veloci per gli agricoltori
25/01/2010, 13:01

La Legge Finanziaria Regionale 2010, pubblicata Giovedì 21, sblocca un’antica problematica connessa ai pagamenti dei Fondi Europei erogati all’agricoltura in attuazione del Piano di Sviluppo Regionale.

Dal lontano 1999 un Decreto Legislativo imponeva alle Regioni di istituire un apposito servizio con le funzioni di organismo pagatore dedicato esclusivamente ai Fondi Europei rivolti all’agricoltura.

In assenza dell’organismo regionale in questi anni il mondo dell’agricoltura che ha puntato sui fondi europei è passato attraverso le forche caudine della AGEA sorta dalle ceneri dell’AIMA con sede in Roma vero e proprio rompicapo burocratico per i pagamenti di tanti imprenditori agricoli che in questi anni hanno puntato sulle risorse europee per innovare e potenziare le proprie aziende.

Dunque con la Legge Finanziaria Regionale 2010 all’articolo 1 comma 19 viene finalmente istituita l’Agenzia Regionale della Campania per i pagamenti in agricoltura con sede in Napoli.

Carpinelli ha dichiarato:”In Commissione Bilancio insieme al collega Nicola Caputo ci siamo battuti per l’approvazione di questo emendamento che oggi diventa finalmente legge.

Invito l’Assessore Regionale all’Agricoltura Nappi a dare immediata attuazione al Dispositivo di Legge per liberare tutti gli imprenditori agricoli della Campania, che hanno creduto nei Fondi Europei, dal cappio burocratico dell’AGEA.

L’AGEA di Roma in questi anni ha rallentato di non poco gli investimenti e lo sviluppo dei nostri territori rurali.

Sono veramente soddisfatto per aver contribuito in questo scorcio di legislatura a superare un ritardo insopportabile che durava da più di 10 anni e che troppi danni ha procurato a professionisti, ad imprenditori e complessivamente al mondo dell’agricoltura sempre scarsamente considerato. Da domani si volta pagina, con il nuovo ente pagatore lasciamo alle spalle anni di ritardi e di burocrazia sovietica.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©