Politica / Politica

Commenta Stampa

Fornero: "Bisogna scardinare il meccanismo dei salari"

Il ministro commenta i dati Eurosta sul lavoro

Fornero: 'Bisogna scardinare il meccanismo dei salari'
27/02/2012, 12:02

Arrivata a New York per il meeting dell’Onu contro le mutilazioni genitali femminili, il ministro Elsa Fornero, non può non parlare dei dati Eurostat sul lavoro. Secondo il report, i salari italiani sarebbero la metà rispetto a quelli della Germania e Olanda. “Abbiamo salari bassi e un costo del lavoro troppo alto , bisogna scardinare questa situazione soprattutto aumentando la produttività”,  è il primo commento della Fornero. Puntare sui giovani, afferma il ministro, creando ad esempio un apprendistato ad hoc, che consenta loro di entrare nel mercato del lavoro. Sull’articolo 18, Fornero chiede ai sindacati di affrontarlo “in maniera laica senza levate di scudi”. Sul versante degli investimenti dichiara che è necessario un “cambio di regole e cambio di investimenti”, se non accade, “i nostri imprenditori se ne vanno in Croazia o in Serbia”. Il ministro ha annunciato l’imminenza della riforma degli ammortizzatori sociali, che però sarà attuata nei prossimi anni, dovendo affrontare oggi una situazione di crisi. In un colloquio con “Repubblica”, sulla riforma del mercato del lavoro ha ribadito: “Se l'accordo non si riesce a trovare, il governo tecnico ha il dovere di andare avanti, fermo restando che l'ultima parola spettera' al Parlamento", continua Elsa Fornero, “Noi ci impegniamo nella ricerca di una soluzione condivisa, la disponibilita' al dialogo e' autentica. Sono pronta a cambiare opinione, per esempio sulle "associazioni in partecipazione" tra lavoratori, dove sembra prevalere l'abuso e la mancanza di tutele del lavoratore. Sarei felice di portare a casa una buona riforma del lavoro con l'accordo di tutte le parti sociali. Ma un governo tecnico guarda a tutta l'Italia, comprese quelle componenti non rappresentate dalle parti sociali".

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©