Politica / Politica

Commenta Stampa

Dobbiamo sforzarci per avere buona flessibilità

Fornero: "Nessuna demonizzazione del posto fisso"


Fornero: 'Nessuna demonizzazione del posto fisso'
04/02/2012, 13:02

ROMA - Ancora aperto il discorso politico su lavoro e articolo 18. Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ospite di Sky Tg24 ha affermato:  "Dobbiamo sforzarci di avere una flessibilità buona. La flessibilità cattiva si traduce in precarietà".  
"Nessuna demonizzazione del posto fisso" dice il ministro che sottolinea: "Si parla troppo di articolo 18. Non considero affatto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso una mia avversaria. La considero una persona  con un ruolo importantissimo, rappresenta moltissimi lavoratori italiani. Ai leader dei sindacati e di Confindustria, Fornero ha speigato  di aver detto: "Dobbiamo partire dai problemi, siamo qui per discutere e dialogare, possiamo cercare delle soluzioni".
"Questo governo è tecnico, non ha parti della società italiana che vuole favorire o partiti cui é particolarmente legato. Si dialoga, però questo governo ha l'ambizione di fare politiche per il Paese, per il futuro del Paese. Può essere un'ambizione eccessiva,  ma è questa”.
Sulla  riforma delle pensioni  ha ministro ha detto che:   “aiuta i giovani, sottrae loro un onere, quello del debito che era un peso enorme sulle giovani generazioni”.
E sulla frase di Michel  Martone “se a 28 anni non ti laurei sei uno sfigato”,  ha detto  è stata “infelice”, “sicuramente io non avrei usato quella espressione, perchè sono abituata a lavorare con gli studenti e so che ci sono diverse condizioni di vita e di famiglia. Ma nemmeno accuso il mio vice ministro per una frase infelice. Capita a tutti - ha concluso Fornero - di usare un'espressione infelice”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©