Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Forse domani il DL correttivo del DL anticrisi


Forse domani il DL correttivo del DL anticrisi
30/07/2009, 12:07

Ormai siamo alla farsa: un decreto legge che deve correggere un altro decreto legge che deve ancora essere convertito in legge. E' quanto dovrebbe uscire dal prossimo Consiglio dei Ministri di domani, secondo voci che si stanno moltiplicando. Infatti, il decreto legge detto "anticrisi" deve ancora essere approvato al Senato (solo ieri è stato approvato alla Camera dei Deputati) che già va modificato. Secondo le indiscrezioni, le modifiche riguarderebbero lo scudo fiscale e il ridimensionamento dei poteri della Corte dei Conti, che dovrebbe essere parzialmente cancellato. Per quanto riguarda invece il Ministero dell'Ambiente, la situazione dovrebbe rimanere la stessa, cioè non avrebbe competenze per le decisioni in materia di energia. Tutt'al più si potrebbe aggiungere un "sentito il parere del Ministero" al provvedimento, per non estromettere del tutto la Prestigiacomo, dopo le proteste degli ultimi giorni. Invece, fedeli all'antieuropeismo che contraddistingue la maggioranza di destra al governo, non verrà modificata la norma che prevede una tassazione del 6% sulle plusvalenze auree della Banca d'Italia, nonostante la BCE abbia bocciato due volte la norma.
A quanto pare, è stato su pressione del Quirinale che si è deciso di anticipare questi argomenti al prossimo Consiglio dei Ministri, perchè Berlusconi voleva riparlarne a settembre. Ma è l'ennesima dimostrazione dello stato di confusione e di pressappochismo con cui è governato il nostro Paese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©