Politica / Politica

Commenta Stampa

Continua l'attività demolitrice dei berlusconiani

Forza Italia contro i senatori a vita: "Non hanno altissimi meriti"


Nella foto Claudio Abbado.
Nella foto Claudio Abbado.
04/12/2013, 16:00

ROMA - Nuovo attacco di Forza Italia contro i senatori a vita. Nel mirino questa volta tutti e quattro quelli nominati da Napolitano: Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia e Claudio Abbado. 
L'hanno dimostrato nella Giunta per le elezioni, dove Elisabetta Casellati e Lucio Malan hanno chiesto un rinvio perchè siano prodotti documenti che dimostrino "gli 'altissimi' meriti scientifici della prof. Cattaneo né gli 'altissimi meriti sociali' attribuiti a tutti e quattro". 
Mica male per chi fa parte di un partito che ha richiesto, nel corso del tempo, di nominare senatore a vita persone come Silvio Berlusconi, Marcello Dell'Utri e Gianni Letta. Ma in realtà Forza Italia ce l'ha sempre avuta con i senatori a vita. Tutti ricorderanno gli insulti con cui veniva subissata Rita Levi Montalcini, per esempio, quando andava in Parlamento e votava a favore del governo Prodi. Ma non nel 1994, quando i voti dei senatori a vita Pininfarina ed Andreotti permisero al primo governo Berlusconi di avere la maggioranza. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©