Politica / Parlamento

Commenta Stampa

FORZA ITALIA: LA CAMPANIA E' CON NOI


FORZA ITALIA: LA CAMPANIA E' CON NOI
21/11/2007, 09:11

Il partito di Berlusconi dà i dati sulla campagna per il "voto subito" in Campania. Il coordinatore Cosentino esulta per il risultato nei 983 punti di raccolta regionali. Scettico Landolfi: "Serve un processo che coinvolga tutta la Casa delle libertà". Tra i firmatari anche l´ex leader di Confindustria Antonio D´Amato. "Seicentomila firme contro Prodi". An attacca: i gazebo non bastano.
 

Forza Italia sostiene di aver superato in Campania quota seicentomila firme per "mandare a casa Prodi" ma nel centrodestra è bagarre dopo l´annuncio di Silvio Berlusconi sullo scioglimento di Forza Italia e la nascita del Partito del popolo delle libertà. E così mentre l´azzurro Nicola Cosentino esulta per il "risultato straordinario" ottenuto in tre giorni nei 983 gazebo azzurri, il coordinatore di An Mario Landolfi spara a zero: «Quello annunciato da Berlusconi non è certo il Partito delle libertà. È, piuttosto, una nuova sigla che coincide con Forza Italia. Il Partito delle libertà non si può costruire con i gazebo, occorre un processo più articolato che coinvolga tutto il centrodestra. Noi di An abbiamo contribuito con la grande manifestazione di piazza San Giovanni a cui hanno partecipato due milioni di cittadini. La priorità comune resta la caduta di Prodi, ma il Partito delle libertà è ancora tutto da costruire».
An prende le distanze. Militanti dell´Udc hanno addirittura deriso gli organizzatori avvicinandosi ad alcuni gazebo della città per dichiarare: "Noi non firmiamo". Di tutt´altro avviso un altro alleato, il leader della Democrazia cristiana Gianfranco Rotondi, che invece è andato al gazebo napoletano in piazza dei Martiri dove ha anche contribuito all´iniziativa con una banconota da venti rispetto alla semplice moneta da un euro richiesta dagli organizzatori: «L´annuncio di Berlusconi non mi sorprende perché il piano era pronto da tempo. E io sto con Berlusconi quando vince e quando perde perché i veri amici fanno così. Stavolta perde nel Palazzo ma è imbattibile tra la gente. Fini e Casini, in ogni caso, non dicono niente di male. Se si può correggere la legge elettorale va bene, purché non ci dividiamo e si faccia presto». Rotondi crede anche nella previsione fatta dal mago di Arcella secondo il quale a gennaio il governo Prodi andrà in crisi: «Mi fido non tanto delle stelle, quanto del fiuto del mago che è stato sindaco democristiano. Io, intanto, convoco per il 14 e 15 dicembre il mio partito e chiederò allo stesso Berlusconi, che è socio d´onore della Dc, di venire a illustrare il progetto ai nostri quadri dirigenti».
Tra i firmatari anche l´ex leader di Confindustria Antonio D´Amato, il manager dello spettacolo Lele Mora, e il decano degli architetti napoletani, Vittorio Di Pace, che ha recentemente compiuto cento anni e che in mattinata si è recato per firmare e versare un euro in piazza San Tommaso d´Aquino. Il 13 giugno scorso la facoltà di Architettura a Palazzo Gravina ha festeggiato il suo centesimo compleanno mentre l´Aniai-Campania gli ha dedicato un numero speciale della rassegna presentato il 19 giugno all´Istituto italiano per gli Studi filosofici in via Monte di Dio.
Raccolta di firme che in alcuni casi è stata anche l´occasione per lanciare critiche al Comune e alla Regione. In diversi casi un invito esplicito a "mandare a casa" anche Bassolino e Iervolino. Come ha fatto Franco, titolare di una pensione di invalidità che gli garantisce 214 euro al mese e che vive in un ospizio. Anche lui ha versato il suo euro al gazebo di piazza San Luigi, a Posillipo, allestito dalla militante Pina Cacciatore.
«Chi era convinto che il successo di Forza Italia alle elezioni amministrative in provincia di Napoli fosse un fuoco di paglia - esulta il coordinatore Luigi Cesaro - avrà di che ricredersi cominciando, semmai, a scorrere la valanga di firme raccolte». D´accordo il coordinatore regionale Cosentino: «È stata realizzata quella che a tanti sembrava un´impresa impossibile. Forza Italia ha raggiunto anche in Campania l´obiettivo che si prefissava. Nonostante il freddo c´è stata la mobilitazione da parte del popolo azzurro che ha aderito con grande entusiasmo».

(fonte: LaRepubblicaNapoli)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©