Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ecco cosa pensano i napoletani

Franceschini attacca: fareste educare i vostri figli da Berlusconi?


.

Franceschini attacca: fareste educare i vostri figli da Berlusconi?
27/05/2009, 22:05

Il leader del Pd Dario Franceschini, cavalcando l’onda delle critiche rivolte a Silvio Berlusconi dalla stampa estera, chiede agli italiani: Fareste educare i vostri figli da quest’uomo?”. Ed è di nuovo bufera, per un attacco che ha provocato la reazione della famiglia Berlusconi. Subito dopo, però, la rettifica: con un ‘sono stato frainteso’ che si addice più al suo avversario, il leader del Pd ha chiarito che non era sua intenzione offendere il premier nel suo ruolo di padre.

Durante il suo tour elettorale in Liguria, precisamente a Savona, Franceschini aveva tra le altre cose detto che “non c’è dubbio che Berlusconi sia un imprenditore e un politico di successo, ricco, furbo e potente. Chi guida un Paese ha il dovere di dare il buon esempio, di trasmettere valori positivi”.

Il primo a sbottare contro Franceschini, dopo la domanda sull’educazione dei figli, è Piersilvio Berlusconi. “Ma come si permette?, - chiede, per poi proseguire, - forse sbaglio a prendere sul serio una battuta di così pessimo gusto. Ma anche alla campagna elettorale c'e' un limite. Io, proprio io, sono stato educato da Silvio Berlusconi. E i miei valori sono i suoi. Amore per il lavoro, generosità, tenacia e rispetto per gli altri. Quel rispetto che Franceschini dimostra di non conoscere”. Marina Berlusconi gli fa eco, stigmatizzando le parole del leader dell’opposizione. “Franceschini dovrebbe vergognarsi, - dice, - chi gli dà il diritto di giudicare Silvio Berlusconi come padre? Con le sue parole offende anche me come figlia. Una figlia profondamente orgogliosa del padre che ha dei valori che mi ha trasmesso. Sarei felice per i figli di Franceschini se avessero un padre come il mio”.

Sulla stessa linea anche Luigi Berlusconi. “Sono contento e orgoglioso dell'educazione che ho ricevuto e dei valori che mi sono stati trasmessi dalla mia famiglia, - dice, - non vedo perchè la politica si permetta di giudicare Silvio Berlusconi come padre. Si tratta di piani diversi che non dovrebbero essere mai sovrapposti”.

Dopo la dura reazione dei figli del Cavaliere il segretario del Pd ha ritenuto però doveroso fare una precisazione. “Ho visto la reazione indignata di Pier Silvio Berlusconi e mi dispiace che abbia male interpretato le mie parole, - ha detto, - se le riascolta vedrà che non ho mai espresso né lo farò, alcun giudizio su di lui e la sua famiglia. Ho parlato di valori che un uomo pubblico deve trasmettere al Paese”

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©