Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il ministro bacchetta "chi vuole alimentare tensioni"

Franceschini:"Basta polemiche, nessun accordo su porcellinum"

Giachetti (PD): "Il governo lasci le proposte al Parlamento"

Dario Franceschini
Dario Franceschini
24/05/2013, 20:35

ROMA - “Mi domando perché vengano alimentati continuamente dibattiti su cose inventate, come questa storia di un presunto accordo interno al governo sui ritocchi minimi al Porcellum. Non esiste alcun “porcellinum””. Lo ha dettoil ministro dei rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, rispondendo ai cronisti a Montecitorio sul tema delle modifiche alla legge elettorale.  

“La riunione di maggioranza di mercoledì scorso -spiega- ha soltanto auspicato che le mozioni da votare in aula il 29 maggio contengano l’impegno all’approvazione, entro il 31 luglio, di norme che evitino che, in qualsiasi momento si torni a votare, si voti con il Porcellum”. “La sostanza e l’ampiezza di queste norme la deciderà ovviamente il Parlamento che è sovrano. Mi chiedo a cosa serva alimentare tensioni e polemiche su cose non vere. Non ci sono abbastanza tensioni su questioni vere?”, conclude Franceschini.  

Proprio stamane Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera in quota PD, aveva rilasciato considerazioni taglienti su questa tema: “E’ già anomalo che il governo si occupi di queste cose, si è impegnato per una riforma istituzionale strutturale ma per la subordinata del porcellum non ci deve essere una proposta di merito del governo. Non vedo - sottolinea - perché il governo debba andare a cercarsi guai, perché è molto probabile che per il maquillage al porcellum sarebbe schierata solo una piccola parte dei parlamentari. Mentre sul ritorno al Mattarellum, oltre ad un milione e duecentomila persone che hanno sottoscritto il referendum, particolare non irrilevante, sono sicuro si otterrebbe una maggioranza assoluta”. “Sembra che Franceschini e Quagliariello - aggiunge - abbiano trovato una quadratura che non tiene conto della realtà dei fatti”, visto che “basta prendere le dichiarazioni ufficiali: 5Stelle, Lega, Sel e la gran parte del Pd sono su questa linea. La mia proposta per una seduta straordinaria della Camera sul ritorno al Mattarellum ha raccolto 80 firme e tra queste anche quelle di alcuni deputati di Scelta Civica. Quindi il fronte si allarga ogni giorno”.

 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©