Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Non ci sono obiettivi specifici per l'Italia"

Frattini: 'L'allarme lanciato dagli Usa è reale'


Frattini: 'L'allarme lanciato dagli Usa è reale'
04/10/2010, 21:10

ROMA - Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a margine dell'incontro avuto oggi alla Farnesina con il presidente della regione autonoma del Kurdistan irachena Massoud Barzani, ha dichiarato che l'allarme terrorismo lanciato dagli Stati Uniti "è realistico per i principali paesi europei che sono obiettivo potenziale dei terroristi  che provengono da paesi come Afghanistan e Pakistan dove i nostri uomini portano la pace e la stabilità". "Ecco perché - prosegue il ministro- è importante che il loro lavoro non finisca». Il titolare della Farnesina ha però precisato che «per l'Italia non ci sono obiettivi specifici e allarmi speciali».   «E' chiaro comunque - ha detto ancora Frattini - che quando arrestiamo un presunto estremista algerino a Napoli con del kit esplosivo allora abbiamo un elemento importante». Per quanto riguarda i riflessi quotidiani dell'allarme terrorismo arrivato dagli Stati Uniti, il ministro ha spiegato che «si traduce nell'avere più comprensione per le maggiori misure di controllo che si possono trovare ad esempio negli aeroporti». Secondo la Fox, la lista dei possibili bersagli da colpire è stata fornita da un terrorista tedesco di origine pachistana o afghana, detenuto nella base militare di Bagram, in Afghanistan. Catturato lo scorso luglio, Ahmad Siddiqui ha rivelato negli interrogatori l'esistenza del piano terroristico per colpire bersagli in Europa - in particolare in Germania, Francia e Gran Bretagna - inclusi alberghi e siti turistici, con attentati analoghi agli attacchi coordinati a Mumbai, in India, nel 2008, in cui morirono 166 persone.
E' stata rafforzata, riferisce la Fox, la sicurezza anche intorno alla famiglia reale britannica; mentre in Francia, negli ultimi venti giorni la torre Eiffel è stata evacuata due volte a seguito di allarmi bomba, rivelatisi poi senza fondamento.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©