Politica / Politica

Commenta Stampa

Cancellieri: “Pochi giorni, e ci siamo”

Fuori dalle elezioni i condannati in via definitiva


Fuori dalle elezioni i condannati in via definitiva
05/11/2012, 09:49

ROMA - Sembra in fase di definitiva realizzazione la nuova legge per le regole che definiranno “l’incandidabilità” di coloro i quali sono stati condannati. Ad affermarlo è il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, che incontrerà il ministro della Giustizia, Paola Severino, e il ministro della Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, nelle prossime ore.

L’intento è quello di arrivare, tempo massimo 15 giorni, al varo del Consiglio dei Ministri.

Il governo cercherà di far entrare in vigore tale legge in vista delle elezioni regionali.

La Cancellieri ha ribadito che, prima del termine del mandato, il governo sarebbe intenzionato ad emanare anche nuove disposizioni sulla trasparenza e sulle incompatibilità degli incarichi dirigenziali.

Le regole sull'incandidabilità, intanto, sono indirizzate a coloro i quali sono stati condannati in via definitiva, con una pena di almeno due anni, per i delitti contro la pubblica amministrazione, quale peculato, malversazione, concussione, corruzione e per altri delitti per i quali la legge preveda una pena detentiva superiore a tre anni. Spetta al legislatore delegato specificare il termine di durata dell'incandidabilità, stabilendo che tale strumento operi comunque anche nel caso di applicazione della pena su richiesta (ovvero il patteggiamento).

Stando alle ultime discussioni, il governo vorrebbe “un’incandidabilità temporanea per almeno il doppio della pena subita”.

Un candidato condannato con sentenza definitiva a cinque anni, secondo la legge, dovrebbe non candidarsi per almeno il doppio degli anni della pena, ovvero dieci anni, nel caso ipotizzato.

Il divieto si applica a tutte le cariche pubbliche: governo, ministri, viceministri, sottosegretari e scendendo a tutti gli amministratori.

Il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri non lascia dubbi: “Pochi giorni, e ci siamo”.  

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©