Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Galan, all'inizio del nuovo anno partiamo da dati molto positivi per il futuro di agricoltura e pesca


Galan, all'inizio del nuovo anno partiamo da dati molto positivi per il futuro di agricoltura e pesca
03/01/2011, 17:01

“Guardiamo al nuovo anno con rinnovata fiducia, convinti come siamo che dal nostro lavoro dipende il futuro del sistema agricolo italiano e quindi di 1,7 milioni di aziende e di oltre 4 milioni di persone tra titolari, dipendenti, familiari e lavoratori stagionali. A tutti loro, a tutto il mondo dell’agricoltura e della pesca del nostro Paese va il mio più sincero augurio di buon 2011”.

Con queste parole il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan, rivolge l’augurio per il nuovo anno al mondo dell’agricoltura e della pesca, commentando i positivi risultati della spesa dei Programmi di sviluppo rurale cofinanziati dall’Unione Europea.

“Siamo andati ben oltre le più rosee aspettative. I dati definitivi della spesa dei Programmi di sviluppo rurale (Psr) cofinanziati dall’Unione Europea attraverso il Fondo europeo agricolo per lo Sviluppo rurale (Feasr ) evidenziano una spesa eccedente il limite minimo previsto per evitare il disimpegno di ben 400 milioni di euro, di sola quota comunitaria. Di particolare rilievo sono le performance registrate proprio in questi ultimi giorni dalle Regioni Puglia, Calabria e Sicilia.

Ringrazio quindi di nuovo tutti coloro che si sono adoperati affinché si potesse giungere a questo risultato, a cominciare dal Ministero delle politiche agricole, dalle Regioni, da Agea e dagli altri Organismi pagatori, per arrivare al partenariato economico e sociale, in particolare le rappresentanze dei produttori, le banche e le assicurazioni, senza le quali non sarebbe stato possibile realizzare tutto ciò.

Con questi risultati e con la consapevolezza che quando ci si mette a lavorare seriamente si possono raggiungere importanti obiettivi, guardiamo al nuovo anno con rinnovata fiducia”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©