Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Galan, anche il presidente Obama trovi il modo per esprimere la più netta condanna contro il Brasile dei Lula e dei Faria


Galan, anche il presidente Obama trovi il modo per esprimere la più netta condanna contro il Brasile dei Lula e dei Faria
03/01/2011, 17:01

“Fino ad oggi ritenevo il nome Faria un semplice nome di fantasia, utilizzato appunto dal genio letterario cui dobbiamo ‘Il conte di Montecristo’. Purtroppo, abbiamo scoperto che esiste un Faria ‘cattivo’, quindi non buono come era invece l’abate del romanzo. E questo Faria ‘cattivo’ ci è apparso nelle vesti di avvocato generale del Brasile, nelle vesti cioè di colui che ha dato ignobile copertura giudiziario-politica al Presidente Lula, protettore finale del terrorista assassino Cesare Battisti. Il Faria letterario morì da innocente in carcere, mentre il Faria del Carnevale giudiziario brasiliano ha trovato il modo di salvare dal carcere chi di innocenti ne ha uccisi di sicuro quattro. Evviva il Brasile dei Lula e dei Faria! Non so cosa si dovrebbe fare per rendere universale la vergogna con cui il Governo del Brasile si è presentato agli occhi del mondo nell’ultimo giorno del 2010. Si potrebbe, per esempio, chiedere all’amico Governo degli Stati Uniti, che combatte assieme a noi in prima linea il terrorismo internazionale, di promuovere una campagna internazionale che porti alla condanna morale del comportamento tenuto da Lula e dai suoi compagni nei riguardi dell’Italia, della giustizia e del rispetto di ogni codice umanitario? E la Francia, dove Battisti ha trovato in alto loco protezioni ripugnanti, non ha nulla da dire? Nel tentativo di restare equilibrato, chiudo citando un passo di Claudio Magris che così si è espresso a proposito del terrorista sorridente: ‘Non è scandaloso che un criminale cerchi di occultare o confondere i suoi crimini; è anzi un suo diritto. E’ scandaloso che qualcuno possa credere a queste panzane intrise di sangue’”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Giancarlo Galan.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©