Politica / Politica

Commenta Stampa

L'intervista a "La Stampa"

Gasparri: " L'intesa Renzi-Berlusconi reggerà"

Per il Vicepresidente del Senato l'accordo è saldo

Gasparri: ' L'intesa Renzi-Berlusconi reggerà'
25/01/2014, 09:23

ROMA - In un intervista a “La Stampa”, Maurizio Gasparri si dichiara convinto che l’Italicum reggerà perché fondato su un accordo saldo. Gasparri, poi, punta il dito sull'intervento di Enrico Letta sul conflitto di interessi, definendolo “un modo per cercare di compensare, con un po’ di fragore mediatico, il suo lungo silenzio”.
“Rilanciare oggi il tema del conflitto di interessi, di cui nessuno avverte l'esigenza - spiega, - dal momento che Berlusconi, per le note vicende giudiziarie che lo hanno riguardato e che noi riteniamo ingiuste, non potrà presumibilmente essere il candidato premier del centrodestra, è stato del tutto gratuito da parte di Letta. Mi è sembrato, più che altro, un modo per marcare un doppio distinguo”.
“Sulla legge elettorale - aggiunge, - sebbene senza citare espressamente le preferenze, Letta lo ha fatto parlando di maggiore garanzia per i cittadini. Il che potrebbe far pensare pure ad un ritorno al Mattarellum, che è un modo anche più ostile di porsi nel dibattito”. L'intesa Renzi-Berlusconi comunque reggerà. “Nel Pd in molti si sono riposizionati. E, tra quelli che oggi seguono Renzi per convenienza e gli altri che lo fanno per opportunismo, penso che riuscirà a reggere e a contenere le resistenze dei rancorosi”.
“Per quanto concerne il Ncd - conclude, - mi pare che Alfano abbia ribadito che le preferenze siano indifferenti rispetto alla questione della soglia di sbarramento. Lo dicono pur sapendo di essere a rischio. Riguardo a Scelta civica mi chiedo: che soglia di sbarramento dovremmo prevedere, dello zero virgola?”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©