Politica / Regione

Commenta Stampa

Gasparri: "Vendola va interdetto"; e scatta la querela


Gasparri: 'Vendola va interdetto'; e scatta la querela
06/08/2009, 15:08

Il governatore della Puglia Nicky Vendola e l'ex Ministro del PdL Maurizio Gasparri negli ultimi tempi non si sono risparmiate frecciate, da quando, il 19 maggio scorso, durante la trasmissione televisiva Ballarò, Vendola mandò a quel paese Gasparri, reo di essere fastidioso con le sue continue interruzioni. Ed oggi, nuovo attacco dell'ex Ministro contro il governatore pugliese, che ieri aveva detto: "Non sono indagato, nè mai lo sarò". Gasparri ha preso la palla al balzo e ha commentato: "Se la magistratura barese di fronte allo scempio della sanità pugliese fatto dalla sinistra, esita nell´indagare il presidente della giunta, Vendola non potrà evitare la sua interdizione. Delle due l´una: o Vendola è coinvolto nel disastro, come ci appare evidente essendo la sanità la sostanza del potere regionale, o non si è accorto di nulla, ipotesi risibile, e allora la sua palese inadeguatezza a ruoli pubblici dovrebbe portare ad un suo formale esautoramento. Speriamo che compagni e parenti dei compagni travestiti da magistrati non impediscano questo epilogo".
La frase è stata giudicata offensiva da Vendola, che ha preannunicato querela e ha detto: "Le sue accuse vergognose sono la dimostrazione che per lui e i suoi accoliti sia inconcepibile l´idea che si possa svolgere una funzione istituzionale senza ricorrere al ladrocinio. In sostanza, per loro, o uno è fesso oppure è un delinquente. Gasparri piuttosto dovrebbe occuparsi maggiormente del marciume che emerge dall´inchiesta della procura barese e che coinvolge, senza alcun beneficio di inventario, una folta rappresentanza del rampantismo della destra locale".
Dura la controreplica di Gasparri: "Se fosse meritevole di una replica, Vendola, noto utente del turpiloquio, gli direi che la sua gestione politica sta affondando sia sotto il profilo dei risultati che della moralità. Ma non merita repliche. I fatti sono chiari, il caso Tedesco e il caso Vendola confermano il tracollo della sinistra. La sua arroganza e la sua certezza di impunità si fondano su una storia tutta da scrivere della magistratura pugliese. Ha poco da urlare. Si dimetta. E´ un fallito sotto il profilo politico e morale".
Continuerà la telenovela?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©