Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il ministro in visita ai giovani del Pdl a Viareggio

Gelmini: basta baroni all'Università


Gelmini: basta baroni all'Università
23/07/2010, 18:07

VIAREGGIO – Via i professori ultracinquantenni, spazio ai giovani. Il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini non ha dubbi: all’università servono leve nuove e nuove idee. Un pensiero che la Gelmini ha espresso durante l’incontro a Viareggio con i ragazzi del Pdl, ricordando anche, all’indomani dell’arrivo in Senato del decreto legge di riforma degli atenei, la validità del suo progetto che “segna il tramonto del radicato meccanismo della parentopoli e del nepotismo, aprendo, invece, verso la meritocrazia”.
Certo, il ministro all’arrivo non ha avuto vita facile: è stata, infatti, accolta da striscioni di protesta di interi comitati di contestatori. Lei non si è lasciata scoraggiare e ha sottolineato che dal prossimo anno i corsi didattici considerati “inutili” subiranno un taglio del 20%, mentre l’offerta formativa si amplierà di materie nuove e più adatte al cambiamento in corso nel Paese. Inoltre, l’intento del suo gruppo politico, ha ribadito, è quello di dare maggiore potere alle Regioni, che avranno il compito di svecchiare il corpo docente ed indire concorsi all’insegna della trasparenza.
Quanto ai reclami dei professori contro le sue iniziative, la Gelmini ha parlato di “atti indecorosi”: si può legittimamente esprimere il proprio dissenso, ha concluso, ma senza danneggiare gli studenti.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©