Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Gelmini contestata, interrompe la presentazione del libro e se ne va



Gelmini contestata, interrompe la presentazione del libro e se ne va
16/06/2009, 10:06

Un singolare trittico era ieri a Milano a presentare il libro di Mario Giordano, direttore de "Il Giornale", intitolato "Cinque in Condotta. C'era l'autore del libro, Fedele Confalonieri, direttore di Mediaset e il Ministro per l'Istruzione Maria Stella Gelmini. Questa volta, contrariamente a quanto è solito fare il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, non hanno pensato a fare entrare solo la clacque di turno e quindi si sono anche intrufolati genitori e docenti che hanno esposto dei foulard gialli con la scritta "Io non ci sto", accompagnato dal simbolo della scuola, e dei cartelli in cui venivano elencati i tagli che il governo ha fatto alla scuola. Non avendo la solita claque adorante, ma un pubblico equamente diviso (c'erano anche coloro che volevano ascoltare il Ministro e che hanno cominciato ad insultare i manifestanti), la Gelmini ha dato ordine a Giordano di chiudere l'incontro, cosa che il direttore del Giornale ha fatto, insultando i contestatori e dando loro dei fascisti.
E questa mattina chi ha comprato il Giornale ha potuto leggere un articolo del direttore pieno di veleno, contro i manifestanti. Anche la Gelmini e l'ex sindaco di Milano ed esponente del PdL milanese, Gabriele Albertini, hanno avuto parole pesanti contro i manifestanti, definiti "fascisti rossi" e anche peggio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©