Politica / Politica

Commenta Stampa

Interviene durante meeting dei presidenti “gruppo Arrajolo"

Giorgio Napolitano da Helsinki, "l'Italia non è la Grecia"


Giorgio Napolitano da Helsinki, 'l'Italia non è la Grecia'
12/02/2012, 10:02

HELSINKI - Giorgio Napolitano ad Helsinki al meeting dei presidenti del “gruppo Arrajolo”', dove incassa "l'apprezzamento internazionale" per gli sforzi compiuti,  rinnova l'appello a tutti i paesi europei a coniugare "sviluppo e rigore" per la tenuta dell'Ue parlando  del  governo italiano e ci tiene a precisare che "l'Italia non è la Grecia" perché "i partiti non stanno per rovesciare il tavolo".  Sollecitato dai cronisti  il Capo dello Stato guarda anche alle questioni italiane: "Ai sacrifici" per uscire dalla crisi "non abbiamo alternative" ma - rimarca con orgoglio - "l'Italia sta rispondendo". Impossibile farlo se non c'é la compattezza del mondo politico, soprattutto nel momento in cui è chiamato a realizzare riforme controverse e difficili come quella sul lavoro. Il capo dello Stato è però ottimista.
 "Confido – ha spiegato  - che "questa discussione" tra esecutivo e sindacati ("che qualcuno chiama trattativa") "si concluderà con un accordo". L'auspicio è che "possa non esserci una protesta, seppur ordinata e legittima".
Ma chi immagina di poter “cavalcare la piazza” - ammonisce - deve fare un passo indietro perché "le protese che escono dal solco della legalità – ha sottolineato  la massima carica dello Stato - in un Paese democratico non potrebbero essere tollerate".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©