Politica / Napoli

Commenta Stampa

Giornata contro la precarieta'. Savio (Nidil Napoli e Campania): "Da Governo solo falsi ideologici"


Giornata contro la precarieta'. Savio (Nidil Napoli e Campania): 'Da Governo solo falsi ideologici'
10/05/2012, 09:05

(US NIDIL NAPOLI E CAMPANIA) - Napoli, 10 maggio - Precari oggi in piazza in tutta la regione per la giornata di mobilitazione nazionale dedicata dalla CGIL al tema dei giovani e del mercato del lavoro. Al grido di "Precarieta' l'unico taglio e' possibile" i giovani campani si incontreranno in alcuni dei luoghi simbolo del lavoro atipico nella regione.
A Napoli, dalle 11,30, presidio con gazebo e volantinaggio presso l’isola F del Centro Direzionale. Ad Avellino, appuntamento alle ore 10 nei pressi della Prefettura, e a Benevento, in piazza Roma, dalle 16 alle 21. A Caserta, tre punti di volantinaggio con gazebo, anche in vista dello sciopero generale provinciale dell’11 Maggio. Alle ore 9 presso il polo scientifico Sun Caserta - Via Vivaldi; alle 12.30 area Ex Saint Gobain; dalle 18 al Corso Trieste - largo Sant'Agostino. A Salerno, presidio in piazza caduti civili di Brescia dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 20.

"Protagonisti di questa giornata di protesta - commenta Angelo Savio, coordinatore Nidil Napoli e Campania - i giovani e i precari, traditi dalle tante promesse del Governo che aveva annunciato una riforma del lavoro volta innanzitutto alle nuove generazioni. Un falso, frutto di un'ideologia che vede nella riduzione dei diritti e non nella sua estensione il vero obiettivo di questo Governo".
"Come spiegare altrimenti - continua - l'innalzamento dell'età pensionabile, la riduzione degli ammortizzatori sociali, la mancata cancellazione delle ormai celeberrime 46 tipologie contrattuali, nessun elemento positivo nell'accesso al lavoro, e il tentativo di facilitare i licenziamenti con la modifica dell'articolo 18?". " Si e' tolto ai padri nell'illusione di garantire un futuro migliore ai figli con l'intento di ridurre i diritti di tutti".
"NIdiL e CGIL - conclude - chiedono innanzitutto la cancellazione dei contratti truffa; che l'indennità di disoccupazione includa tutti i precari; un equo compenso, il contrasto alle false collaborazioni a progetto e investimenti e innovazione a sostegno dell'occupazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©