Politica / Politica

Commenta Stampa

Giornata mondiale degli animali. Paternostro (PPI): “un’occasione per riflettere”


Giornata mondiale degli animali. Paternostro (PPI): “un’occasione per riflettere”
04/10/2011, 16:10

Oggi, 4 ottobre, si celebra la Giornata Mondiale degli Animali che ha come finalità la sensibilizzazione dei cittadini sulle condizioni di vita degli animali. – ha dichiarato la Vicesegretaria del Partito Pensionati per l’Italia, Anna Paternostro – In moltissime famiglie vi è la presenza di un amico a quattro zampe, molti anziani si ritrovano godere solo della compagnia di un cane o gatto che diventa un membro della famiglia a tutti gli effetti.
La malattia che accomuna di più gli anziani si chiama “solitudine” – ha proseguito PATERNOSTRO – con tutte le sue sfaccettature e conseguenze. Tale situazione trova sicuramente una valvola di sfogo nella presenza in casa di un animale da compagnia. A volte, è bene dire, che un animale dà più presenza, calore e amore di una persona. Basti pensare a quanti anziani sono abbandonati in casa, oppure affidati ad una casa di riposo senza ricevere visite periodiche da familiari o amici, o ancor peggio basti pensare alle morti solitarie. La presenza di un piccolo quattro zampe riempie la vita a queste persone.
Ma anche non riferendosi esclusivamente alla terza e quarta età, è nota l’importanza della pet theraphy in situazioni di malattia sia fisica che psicologica.
Molto spesso – ha rimarcato PATERNOSTRO – le cronache riportano fatti tristi legati agli animali tra cui maltrattamenti, importazioni illegali, abbandoni. Inoltre ancora troppi negozi e locali pubblici o uffici riportano la scritta “io non posso entrare” impedendo l’ingresso agli animali, anche se tenuti in braccio, facendo crescere, di fatto, una cultura anti animalista.
Tutti questi fatti non dovrebbero più trovare spazio – ha concluso PATERNOSTRO – in una società civile che dovrebbe invece amare gli animali, rispettarli e tutelarli restituendo loro, almeno una parte, dell’affetto che sanno dare a noi umani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©