Politica / Politica

Commenta Stampa

Giornata Mondiale degli Oceani, a Capri Marevivo premia i 'Delfini Guardiani'


Giornata Mondiale degli Oceani, a Capri Marevivo premia i 'Delfini Guardiani'
08/06/2012, 14:06

8 giugno 2012 - Gli oceani possono essere tutelati e salvati solo se diffondiamo la conoscenza del loro valore e per questo Marevivo sta facendo leva sulle nuove generazioni, portando sulle principali isole italiane “Delfini Guardiani”, l’innovativo progetto che trasforma i ragazzi in sentinelle della salvaguardia del proprio territorio.

In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, nell’isola di Capri, ad oltre duecento giovanissimi - che hanno seguito nei mesi scorsi il percorso di educazione ambientale - sono stati consegnati durante una cerimonia ufficiale il distintivo di “Delfino Guardiano dell’Isola”, che dà loro il diritto di presentarsi, senza accompagnatori adulti, alla Capitaneria di Porto o ai Comuni per segnalare eventuali problemi di carattere ambientale.

In questi mesi, i ‘futuri delfini’ sono stati impegnati in escursioni sulle spiagge, in incontri con pescatori e artigiani locali e coinvolti nella conoscenza diretta dell’ambiente marino, attraverso l’attività di sea-watching. Hanno avuto anche la possibilità di avvicinarsi a sport come la subacquea, la vela e l’arrampicata. Insomma, dalle lezioni sul ponte di comando delle motonavi alle scoperte dei segreti racchiusi nelle rocce e nella flora mediterranea: ormai i “Delfini Guardiani” sono diventati dei veri piccoli esperti e, soprattutto, hanno capito che tocca impegnarsi in prima persona per la tutela del proprio territorio.

Capri, Ponza, Sant’Antioco e il prossimo anno anche Ischia, il Giglio e Lampedusa sono le isole mobilitate per questo progetto promosso dall’associazione col sostegno economico della Fondazione Peretti e delle amministrazioni locali e che si avvale della collaborazione di molteplici attori impegnati sul territorio.

A Capri, dove è ormai alla terza edizione consecutiva, ‘Delfini Guardiani’ è stato realizzato anche con il contributo di P.T.C. Porto Turistico di Capri e la collaborazione delle associazioni Capri Outdoor e Legambiente Capri. Hanno supportato i ragazzi nelle diverse attività: la Capitaneria di Porto, la Marina Militare Italiana, il Museo Cerio, la Fondazione Axel Munthe, gli ornitologi dell’ISPRA, Fotoflash Capri, Arte Fotografica Anacaprese, Associazione Amici di Cetrella, Hotel La Minerva, Trasporti Staiano, Sergio Rubino, Bagni di Tiberio, Antonio Viva.

Alla cerimonia di consegna presso la piazza San Nicola di Anacapri - oltre naturalmente agli alunni degli istituti “Vincenzo Gemito” e “Ippolito Nievo” - hanno partecipato tra gli altri il sindaco di Capri Ciro Lembo, il sindaco di Anacapri Franco Cerrotta, gli assessori Massimo Coppola e Alessandro Esposito, il comandante di Porto Alberto Senna, la preside Maria D’Ambrosio, la senatrice Diana De Feo e la presidente di Marevivo, Rosalba Giugni.

Durante la cerimonia di consegna - che ha avuto come madrina d’eccezione l’attrice Mita Medici, che ha interpretato una piece teatrale composta dai bambini della classe quarta - lo spettacolo di antiche musiche capresi degli alunni dell’Istituto Vincenzo Gemito e di Riccardo e Camilla Pecoraro ha coinvolto tutti i cittadini intervenuti ed ha catturato l’attenzione dei numerosi turisti. Lanciata anche la canzone “Il delfino Guardiano” che racconta la storia di Tiberio, il delfino coraggioso “adottato” dai capresi che, nonostante abbia una rete impigliata, qualche giorno fa è stato avvistato a Ponza. Il rinfresco è stato offerto da Luigi e Renato De Gregorio. Pronta a partire anche la nuova delegazione caprese di Marevivo guidata da Maria Pecorella.

La scelta di “insegnare il territorio” - dall’archeologia al mare alla tutela dell’ambiente in generale - è volta a sollecitare il senso civico e di appartenenza delle nuove generazioni: solo una coscienza diffusa, che parta dai più giovani, può provocare un cambiamento di rotta, indispensabile per proteggere un territorio tanto prezioso e fragile come le piccole isole del nostro Paese e, di conseguenza, il mare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©