Politica / Politica

Commenta Stampa

Giovani Comunisti Napoli: "solidarietà agli aggrediti"


Giovani Comunisti Napoli: 'solidarietà agli aggrediti'
11/10/2011, 10:10

"I Giovani Comunisti di Napoli intendono esprimere la loro solidarietà nei confronti degli studenti antifascisti che stamane 10 Ottobre, hanno difeso con le loro forze le nostre università dal gravissimo attacco subito da un manipolo di criminali che si richiamano a formazioni neofasciste.
Stamattina infatti un gruppo di subumani si è presentato con vessilli e croci celtiche ispirate al British Union of fascists del 1930 ed armato di mazze e bottiglie ha iniziato a provocare gli studenti presenti fuori la facoltà di Giurisprudenza di Via Porta di Massa. Gli studenti però, hanno deciso di non subire questo supruso e sono riusciti ad allontanarli grazie anche all'intervento dei collettivi antifascisti.
Questo gruppo di criminali dopo essere fuggito via, con il loro fare vigliacco (così come insegna la storia), ha iniziato un fitto lancio di sanpietrini, ferendo gravemente, alle gambe ed al capo, anche due studentesse che uscivano dai corsi di Via Marina.
E' oltremodo risibile l'attegiamento di chi nelle istituzioni dovrebbe garantire il rispetto della Costituzione ed invece permette a formazioni escluse dall'arco costituzionale di presentarsi armati fino ai denti fuori alle nostre università ed aggredire verbalmente e fisicamente gli studenti stessi. Esprimiamo per questo la nostra indignazione nei confronti del Preside della Facoltà di Giurisprudenza Lucio De Giovanni e del Rettore dell'Ateneo Federico II Massimo Marelli che continuano a concedere agibilità politica a questo gruppuscolo di malviventi.  Pertanto, come già avvenuto solo pochi giorni fa, richiamiamo nuovamente l'attenzione di tutta l'amministrazione affinchè presti attenzione a chi da anni, in difesa dei valori costituzionali, sta lottando per preservare le nostre strade e le nostre università da questi criminali.  NAPOLI RIPUDIA IL FASCISMO! NAPOLI RIPUDIA IL RAZZISMO!". Così una nota a cura dei Giovani Comuniste/i di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©