Politica / Regione

Commenta Stampa

Giovanni Porcelli: “Mugnano sarà periferia nobile di Napoli, non un ghetto”


Giovanni Porcelli: “Mugnano sarà periferia nobile di Napoli, non un ghetto”
21/02/2010, 17:02

Sala gremita ed entusiasmo: prende vita la campagna elettorale di Giovanni Porcelli. Stamattina presso la sala consiliare, la presentazione della coalizione formata da sette liste, Udc, Idv, Mpa, Api, le civiche Peter Pan, Giovanni Porcelli Sindaco e Democratici in Movimento.
I componenti del Terzo Polo hanno illustrato al pubblico le linee programmatiche per la città basate su sostenibilità ambientale, accessibilità e trasporti, sviluppo urbano, qualità della vita, istruzione ed infrastrutture, pubblica amministrazione e fondi europei.
“Ci siamo messi insieme con l’obiettivo di cambiare lo stato dei fatti – commenta Porcelli – Ci occuperemo di sicurezza urbana, di viabilità, di giovani, di famiglie e degli uffici comunali, guidati, purtroppo, da persone demotivate e senza più stimoli. In questo senso daremo vita ad una short list aperta ad esperti junior e senior. Abbiamo bisogno di nuove forze per ridare slancio alla città – continua – Mugnano è stata sempre l’eccellenza per il made in Italy. Qui il settore calzaturiero è sempre stato florido prima che gli imprenditori andassero via. Li faremo tornare e daremo loro la possibilità di creare lavoro ed occupazione per i nostri ragazzi. Per i giovani costruiremo impianti sportivi , per gli anziani daremo vita a centri aggregativi e per le famiglie daremo vita ad asili nido comunali - e conclude - La nostra sarà un’amministrazione dell’”ordinarietà” volta allo sviluppo socio economico della città ”.
Durante la conferenza anche l’intervento degli esponenti del partito di Rutelli, l’Api, da poco a fianco del Terzo Polo: “Abbiamo appoggiato il progetto della coalizione con entusiasmo – ha dichiarato Michelangelo Aspromonte, comitato promotore regionale Api – Abbiamo forze e volontà e vediamo nei giovani il nostro futuro. Vogliamo una politica 2.0, fresca ed under 30. Avremo ragione perché abbiamo ragione”. Nel gruppo anche Salvatore Izzo, ex Pd, dimessosi dal partito in netto contrasto con i vertici: “Da stamattina sono anch’io un uomo libero, libero da quest’amministrazione e da un sindaco che oramai non ha ne maggioranza ne progettualità per la città. Siamo in questa coalizione per voltare definitivamente pagina”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©