Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Guardasigilli dice no all’emendamento del Pdl

Giustizia, Severino contraria a quarto grado di giudizio


Giustizia, Severino contraria a quarto grado di giudizio
22/11/2012, 19:55

ROMA - Rischia di essere assolutamente distruttiva l'ultima idea del Pdl per salvare Berlusconi dai suoi processi. Si tratta della possibilità di fare un ricorso dopo la sentenza della Corte di Cassazione. Insomma, l'introduzione di un quarto grado di giudizio, da tenersi davanti alle Sezioni Unite della Cassazione. 
 Una prima versione limitava la possibilità di ricorso al caso di violazione di una norma europea; ma la versione depositata al Senato, come emendamento al decreto legge sullo Sviluppo, aggiunge anche il caso di "manifesta violazione" della legge italiana. E' chiaro che si tratta di un pretesto: se nel redigere una sentenza venisse accertato un reato, i giudici dovrebbero risponderne penalmente. ma solo dopo un processo. 
Il Presidente del Senato Renato Schifani ha detto che non saranno ammessi gli emendamenti che non rientrino pienamente nell'argomento della legge; ma intanto l'emendamento è stato ammesso e verrà discusso in aula. 

AGGIORNAMENTO ORE 19:55 

ROMA – Contraria “all’introduzione del quarto grado di giudizio”. È quanto dichiarato dal guardasigilli Paola Severino, ancor prima di  aver letto la nuova versione dell'emendamento Pdl al decreto sviluppo.
Interpellata al terminE della conferenza dei direttori delle Amministrazioni penitenziarie, il ministro della Giustizia ha dichiarato: "Se anche il nuovo emendamento avesse i problemi di carattere strutturale del precedente, il parere del Governo sarebbe negativo. Se invece superasse il problema di una sorta di quarto grado di giudizio potrebbe essere preso in considerazione". L'emendamento in questione, presentato dal Pdl, riguarda la possibilità per il cittadino che si senta danneggiato da una sentenza definitiva per ‘violazione del diritto comunitario’ di ricorrere alle sezioni unite della Cassazione; la nuova versione dell'emendamento introduce un limite temporale alla possibilità di fare ricorso". Severino ha detto di aver "prestato attenzione alle dichiarazioni del presidente del Senato per un vaglio attento sull'ammissibilità' degli emendamenti. Ora bisogna attendere lunedì e, fino ad allora, studieremo e verificheremo la situazione". 

Erika Noschese 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©