Politica / Regione

Commenta Stampa

La Sec sospetta che la società sia responsabile della crisi

Goldman Sachs accusata di frode. Calano le borse


Goldman Sachs accusata di frode. Calano le borse
16/04/2010, 20:04

NEW YORK – Azione legale della  Sec, l'autorità della Borsa americana equivalente dalla nostra Consob, contro  Goldman Sachs accusata di «frode» per aver creato e venduto prodotti legati ai mutui subprime, all'origine della forte crisi economica. La notizia è stata diffusa dal New York Times. L'azione legale avviata dalla Sec prende le mosse dalle accuse rivolte a Goldman Sachs e a uno dei suoi vice presidenti, Fabrice Tourre, sospettato di aver frodato gli investitori attraverso dichiarazioni non esatte e omissioni in merito a prodotti finanziari legati ai subprime, quali i «cdo» (Colleteralized debt obligations») Abacus che hanno portato gli investitori a perdere 1 miliardo di dollari.
Oltre a Goldman Sachs, altre banche potrebbero essere coinvolte nella causa per frode intentata dalla Securities and Exchange Commission. Lo riporta l'agenzia di stampa France Presse, secondo cui la Sec non avrebbe escluso di allargare le indagini, ma avrebbe evitato di rispondere a una domanda specifica su Deutsche Bank.
 Lo strumento creato da Goldman nei confronti del quale la Sec punta il dito è chiamato Abacus 2007-AC1, ed è uno dei 25 creati da Goldman per consentire alla stessa banca e ad alcuni selezionati clienti di scommettere contro il mercato immobiliare. In base alla documentazione presentata dalla Sec, Goldman ha creato Abacus 2007-AC1 nel febbraio 2007 su richiesta di John A. Paulson, manager di hedge fund che nel 2007 ha guadagnato circa 3,7 miliardi di dollari. L'iniziativa della Sec rappresenta il primo caso in cui le autorità agiscono nei confronti di un prodotto messo a punto dai big di Wall Street.
Non si è fatta attendere la reazione della banca americana: «Le accuse sono completamente infondate. Goldman Sachs si difenderà e tutelerà la sua reputazione», è quanto si legge in una nota ufficiale.
Wall Street, dopo la notizia, ha preso a scivolare: il Dow Jones, intorno alle 18.30 italiane, perde l'1,16%, il Nasdaq l'1,23% e lo S&P 500 l'1,81%. Anche il titolo della Goldman Sachs è in netta difficoltà e perde oltre il 14 per cento. Anche Milano ha chiuso la seduta in forte calo insieme a Madrid agli altri listini europei: il Ftse Mib ha lasciato sul campo il 2,26% e il Ftse All Share il 2,08%. Le vendite hanno interessato in particolare le banche: Mediobanca (-3,75%), Unicredit (-3,83% e Intesa Sanpaolo (-3%). Giù anche Generali (-2,93%).

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©