Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Si apprende da fonti vicine al suo staff

Governo: Letta, domani la lista dei ministri

Oggi l'incontro con Silvio Berlusconi

Governo:  Letta, domani la lista dei ministri
26/04/2013, 14:40

ROMA (Aggiornamento delle ore 14) - Si apprende da fonti vicine al  suo staff che il  premier incaricato, Enrico Letta,   scioglierà non prima di domani la riserva a formare il Governo.   Il nuovo esecutivo dovrebbe giurare nella stessa giornata di domani. Letta oggi proseguirà i suoi incontri e inizierà a stendere il discorso di insediamento alle Camere che dovrebbe tenere lunedì.  

 Silvio Berlusconi intanto è rientrato questa mattina a palazzo Grazioli dopo aver preso parte a Dallas all'inaugurazione della biblioteca-museo di George W Bush. Non é escluso che nel corso della giornata possa esserci un incontro (i contatti sono già in corso) con il premier incaricato Enrico Letta per chiudere definitivamente l'accordo per dar vita al governo.



ROMA  - Enrico Letta, presidente del Consiglio incaricato, è a colloquio con il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, al Quirinale. Letta è giunto di buon'ora al Colle, intorno alle 8 e 30, questa volta con auto di servizio e scorta, dopo aver fatto un passaggio nel suo studio provvisorio a Montecitorio. Decisamente intricata la tela che Letta sta tessendo, cercando di incrociare i desideri  dei partiti e di superare le troppe richieste, ma allo stesso tempo  riempire le caselle per un esecutivo "di servizio": Angelino Alfano e Mario Mauro sono in pole come vicepremier così come Silvio Berlusconi ha dato il via libera alla conferma della Cancellieri agli Interni mentre spunta il nome di Michele Vietti alla Giustizia.  Renato Brunetta dovrebbe essere fuori mentre Renato Schifani, che ha chiarito di non essere interessato a fare il ministro, potrebbe spuntarla alla Difesa se non cadesse il veto del Pdl su Franco Frattini.  Mario Monti dovrebbe essere fuori mentre all'Economia sono in pole Fabrizio Saccomanni o Giuliano Amato, per il quale, a quanto si apprende, anche il presidente della Repubblica vorrebbe un ruolo nel governo. Alla Farnesina è in corsa Massimo D'Alema anche se gira il nome del diplomatico Giampiero Massolo.  Enzo Moavero dovrebbe essere riconfermato alle politiche comunitarie così come Andrea Riccardi alla cooperazione internazionale. Per i ministeri del Lavoro sono in corsa personalità dell'area sinistra del Pd come Guglielmo Epifani e Stefano Fassina mentre un ruolo, forse da sottosegretario, dovrebbe avere Laura Puppato.  Sembra sicura la presenza di Maria Laura Carrozza all'Istruzione. Tra i big del Pd dovrebbe entrare al governo Dario Franceschini. Enrico Letta vuole un governo 'snello'' ma anche dai contatti con le parti sociali si alza la richiesta di un ministero per il Sud. O almeno di una personalità espressione del mezzogiorno per il ministero della Coesione sociale e per questo gira il nome di Francesco Boccia o, come riconferma, di Fabrizio Barca.  Anche le donne , soprattutto nel Pdl,   sembrano rivendicare un ruolo anche se i posti sono pochi. Per un ruolo di ministro se la battono Maria Stella Gelmini, Mara Carfagna, Anna Maria Bernini ma in corsa sono anche Nunzia De Girolamo, Jole Santelli e Beatrice Lorenzin.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©