Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La maggioranza va sotto, ma è inutile

Governo battuto alla Camera, decade il dl salvaliste


Governo battuto alla Camera, decade il dl salvaliste
13/04/2010, 18:04

ROMA - Il decreto legge "salvaliste", quello adottato in fretta e furia per permettere alla lista del Pdl a Roma e alla lista Formigoni in Lombardia, non c'è più. E' stato cancellato questa sera alla Camera dei Deputati, da un emendamento del Pd, interamente soppressivo del provvedimento. Cioè sono emendamenti che cancellano l'intero provvedimento e chiudono la discussione prima ancora che inizi. Il Pd l'aveva presentato e, nonostante il parere negativo del governo, le tantissime assenze nella maggioranza hanno permesso all'opposizione di approvarlo con 262 voti favorevoli e 254 contrari.
Un risultato positivo? In realtà è probabilmente una cosa inutile. Il decreto legge "salvaliste" aveva una sua ragione di essere durante le elezioni, per permettere al Presidente della Lombardia Roberto Formigoni di partecipare all'elezione regionale in Lombardia e alla lista del Pdl di essere votata nel Lazio, a Roma e in provincia. Ma adesso che sono passate le elezioni e che ben otto soggetti giuridici (ufficio elettorale, Corte d'Appello, Tar e Consiglio di Stato, due volte ciascuno) hanno stabilito che il Pdl non aveva diritto a partecipare nel Lazio, date le violazioni di legge commesse, a che serve questo provvedimento? Anche se si potrebbero fare ricorsi, dall'esito incerto e tutt'altro che scontato.
Tuttavia resta il segnale che l'opposizione, se non agisce da supporto del governo, può sempre mettere qualche bastone tra le ruote della maggioranza ed ottenere qui e là qualche vittoria. E' poco? Vero, ma meglio che niente. E soprattutto è meglio rispetto all'alternativa di vedere i partiti dell'opposizione aiutare il governo uscendo dall'aula o addirittura votando i provvedimenti iniqui

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©